Sospesa dalla professione per sei mesi per aver maltrattato bambini di massimo due anni. È il provvedimento preso dal giudice per le indagini preliminari nei confronti di una maestra di asilo nido a Coquio Trevisago, in provincia di Varese. La donna, secondo quanto emerso da un’indagine dei Carabinieri, urlava e offendeva i piccoli urlandogli frasi come “sei proprio un terrone”, “guardati, fai schifo” e, ancora, “piangi che così ti passa”. Non solo, in alcune occasioni li avrebbe schiaffeggiati e lasciati da soli in preda a crisi di pianto. A far scattare le indagini sono stati i genitori di un bimbo che aveva avuto incubi notturni e mostrava difficoltà relazionali.

Da quanto trapela dalle indagini, la donna si appartava anche in una stanza con il compagno, fatto entrare di nascosto, lasciando soli i bambini. Le telecamere installate dai Carabinieri, su disposizione del pm di Varese, hanno filmato l’uomo mentre entrava nella struttura e si chiudeva in una stanza, nascosta ai bambini, con la donna per consumare rapporti sessuali. La maestra, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, avrebbe maltrattato i bambini a partire dal 2017, in venti occasioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catanzaro, parroco di Petronà: “Alla chiesa serve una porta laterale per far entrare malati e disabili, ma la soprintendenza si oppone”

next
Articolo Successivo

Lampedusa, dentro l’hotspot che va a pezzi tra rifiuti e sovraffollamento: “Condizioni disumane”

next