Sospesa dalla professione per sei mesi per aver maltrattato bambini di massimo due anni. È il provvedimento preso dal giudice per le indagini preliminari nei confronti di una maestra di asilo nido a Coquio Trevisago, in provincia di Varese. La donna, secondo quanto emerso da un’indagine dei Carabinieri, urlava e offendeva i piccoli urlandogli frasi come “sei proprio un terrone”, “guardati, fai schifo” e, ancora, “piangi che così ti passa”. Non solo, in alcune occasioni li avrebbe schiaffeggiati e lasciati da soli in preda a crisi di pianto. A far scattare le indagini sono stati i genitori di un bimbo che aveva avuto incubi notturni e mostrava difficoltà relazionali.

Da quanto trapela dalle indagini, la donna si appartava anche in una stanza con il compagno, fatto entrare di nascosto, lasciando soli i bambini. Le telecamere installate dai Carabinieri, su disposizione del pm di Varese, hanno filmato l’uomo mentre entrava nella struttura e si chiudeva in una stanza, nascosta ai bambini, con la donna per consumare rapporti sessuali. La maestra, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, avrebbe maltrattato i bambini a partire dal 2017, in venti occasioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catanzaro, parroco di Petronà: “Alla chiesa serve una porta laterale per far entrare malati e disabili, ma la soprintendenza si oppone”

next
Articolo Successivo

Lampedusa, dentro l’hotspot che va a pezzi tra rifiuti e sovraffollamento: “Condizioni disumane”

next