Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa seguita al Consiglio dei ministri che ha varato la riforma del processo civile, affronta il tema della giustizia penale che agita lo scontro tra i partiti di maggioranza. “Stiamo lavorando a una soluzione. I principi sono due: vogliamo che i processi si concludano con una decisione di merito, con un’assoluzione o con una condanna e per questo la norma (di riforma della prescrizione, ndr) che è già stata adottata e che entrerà in vigore dal primo gennaio 2020 va mantenuta; vero è che dobbiamo avere la garanzia che i processi si concluda in un tempo ragionevole, ce lo impone la Costituzione e un principio di civiltà giuridica ed è per questo che stiamo lavorando per giungere a questo risultato, affinché ci sia la ragionevole durata del processo. E ci arriveremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, sul diritto alla casa ci aspettavamo un segnale forte (che non è arrivato). Ecco perché

next
Articolo Successivo

Salvini, ora la Nutella non va più bene: “Ho scoperto che viene fatta con le nocciole turche, non la mangio più”

next