Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa seguita al Consiglio dei ministri che ha varato la riforma del processo civile, affronta il tema della giustizia penale che agita lo scontro tra i partiti di maggioranza. “Stiamo lavorando a una soluzione. I principi sono due: vogliamo che i processi si concludano con una decisione di merito, con un’assoluzione o con una condanna e per questo la norma (di riforma della prescrizione, ndr) che è già stata adottata e che entrerà in vigore dal primo gennaio 2020 va mantenuta; vero è che dobbiamo avere la garanzia che i processi si concluda in un tempo ragionevole, ce lo impone la Costituzione e un principio di civiltà giuridica ed è per questo che stiamo lavorando per giungere a questo risultato, affinché ci sia la ragionevole durata del processo. E ci arriveremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, sul diritto alla casa ci aspettavamo un segnale forte (che non è arrivato). Ecco perché

next
Articolo Successivo

Salvini, ora la Nutella non va più bene: “Ho scoperto che viene fatta con le nocciole turche, non la mangio più”

next