Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa seguita al Consiglio dei ministri che ha varato la riforma del processo civile, affronta il tema della giustizia penale che agita lo scontro tra i partiti di maggioranza. “Stiamo lavorando a una soluzione. I principi sono due: vogliamo che i processi si concludano con una decisione di merito, con un’assoluzione o con una condanna e per questo la norma (di riforma della prescrizione, ndr) che è già stata adottata e che entrerà in vigore dal primo gennaio 2020 va mantenuta; vero è che dobbiamo avere la garanzia che i processi si concluda in un tempo ragionevole, ce lo impone la Costituzione e un principio di civiltà giuridica ed è per questo che stiamo lavorando per giungere a questo risultato, affinché ci sia la ragionevole durata del processo. E ci arriveremo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manovra, sul diritto alla casa ci aspettavamo un segnale forte (che non è arrivato). Ecco perché

next
Articolo Successivo

Salvini, ora la Nutella non va più bene: “Ho scoperto che viene fatta con le nocciole turche, non la mangio più”

next