“Se si continua così, ci sta che si torna a votare: litigano su tutto. Do il 50% di possibilità che rimanga in piedi”. Matteo Renzi, ospite a Piazza Pulita, profetizza la possibilità che il governo Conte 2 non duri ancora molto. L’ex premier vede insomma un orizzonte meno profondo di quel 2023 ipotizzato nei giorni in cui l’esecutivo prendeva forma. Se il governo resiste, aggiunge, “verrà eletto un Presidente (della Repubblica, ndr) non antieuropeista”.

Ma sulle colpe mette le mani avanti: “Noi non stiamo litigando. All’incontro di domenica quando hanno litigato noi non c’eravamo”. Il rischio delle elezioni esiste, secondo l’ex premier, perché “si continua a litigare sulle tasse, sulla sugar tax”. Chi romperà? “Di Maio tira la corda ma non può romperlo” perché “se si va a votare con 600 parlamentari, ne prende 60. Però sta creando un clima brutto. Vorrei lanciare un appello, basta polemizzare su tutto sempre e comunque”.

Anche se, aggiunge, quando ha dubbi sul governo “vedo un video di Borghi e sto meglio”. Sul presidente leghista della commissione Bilancio, Renzi ironizza: “Stamattina ha ridetto usciamo dall’euro… per andar dove, in Padania?”. Le critiche verso destra vanno anche a Fratelli d’Italia: “Ho visto le polemiche su Bella Ciao, facciamo un tutorial per la Meloni: Bella Ciao è la canzone di tutti quelli che hanno combattuto il fascismo, è la canzone che sento mia. Altra cosa è Bandiera Rossa, che è la canzone dei comunisti. Chi ha paura di Bella Ciao non sta bene”.

Infine, la battaglia referendaria del 2016 che “rifarei domattina”. Una sconfitta che, ripete il leader di Italia Viva, “ha cambiato la possibilità di avere un governo deciso dagli italiani. Non avremmo mai avuto un governo Frankestein come quello che c’è”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piemonte, l’assessore leghista: “Costruirò una torre psichiatrica dove ricoverare i residuati bellici della sinistra”. Pd: “Parole deliranti”

next
Articolo Successivo

Concorso Conte, l’inviato de “Le Iene” attacca il premier in conferenza stampa. Lui: “Continua a diffamarmi, lei è fuori di testa”

next