Il governo aumenta la clausola di salvaguardia sulle accise sui carburanti a partire dal 2021. Nell’emendamento unico presentato alla manovra, viene mantenuta la sterilizzazione piena delle clausole per il prossimo anno ma vengono ritoccate al rialzo quelle successive. 868 milioni nel 2021, 732 milioni nel 2022 e 1,522 miliardi nel 2023: in totale 3,122 miliardi di aumento delle accise pronti a scattare dal 2021 se la clausola non sarà sterilizzata, un miliardo e mezzo in più rispetto a quanto già previsto.

L’emendamento unico alla manovra presentato dal governo ha l’obiettivo di accelerare l’esame per portare in Aula il testo già lunedì prossimo, in una corsa contro il tempo che non scongiura il rischio del via libera finale solo tra Natale e Capodanno. La proposta di modifica contiene una ventina di misure per un totale di 1,7 miliardi: in particolare, lo stop o la revisione delle “microtasse”, come la plastic tax che viene dimezzata e la tassa sulle auto aziendali che viene rivista. Però servono le coperture: ecco quindi la clausola di salvaguardia che – se non sterilizzata – farebbe aumentare di circa 900 milioni le accise sulla benzina nel 2021. Eppure, la legge di riforma del bilancio dello Stato, approvata in via definitiva dal Senato nel 2016, aveva cancellato la possibilità di tappare potenziali buchi nelle coperture di qualsiasi nuova norma con le famigerate clausole di salvaguardia. Non è la prima volta però che la norma viene ignorata: era già successo nella manovra dello stesso 2016.

Si tratta, denunciano dall’opposizione Lega e Forza Italia, di una “stangata” che peserà sugli italiani. “Nuove clausole di salvaguardia e aumento delle accise sui carburanti dal 2021. Ecco la ricetta del governo nella legge di bilancio. Tasse e ancora tasse. Evidentemente Pd-M5S-Iv-Leu sono già consapevoli che tra un anno non saranno più a Palazzo Chigi“, attacca Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

All’attacco va anche Matteo Salvini: “Vedo l’ultima novità, che è demenziale: 800 milioni di accise su benzina e gasolio, anche su questo cercheremo di fare argine“, ha detto il leader della Lega a Stasera Italia su Rete4. Proprio Salvini che prima di andare al governo aveva sempre promesso di tagliarle, ogni tanto perfino di toglierle: “Al primo consiglio dei ministri punteremo a cancellare le sette accise sulle benzina”, annunciava a marzo 2018. Un obiettivo che, in più di un anno al governo, la Lega non è mai riuscita a centrare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, Conte boccia il piano di ArcelorMittal: “Non va assolutamente bene. Lo respingiamo”

next
Articolo Successivo

Fondo salva Stati, cosa ha ottenuto Gualtieri nella trattativa sulla modifica delle clausole che possono facilitare la ristrutturazione

next