Sembra non finire più la lite a distanza tra la showgirl Paola Caruso e il suo ex fidanzato Moreno Merlo. Se la Caruso aveva accusato Merlo di essere solo in cerca di fama e notorietà televisiva (“si è avvicinato a me, usando mio figlio per cercare di arrivare in televisione”) e di averla “minacciata” perché ha registrato delle conversazioni private tra loro, ieri il diretto interessato ha ribaltato tutta la versione dei fatti. L’ex fidanzato di Paola Caruso, infatti, non solo sostiene di non aver approfittato di lei, ma ha anche rivelato che la stessa showgirl gli avrebbe chiesto, nonostante si fossero lasciati, di continuare per altri due mesi di fingere di stare insieme per poter andare ancora ospiti da Barbara d’Urso.

Secondo Merlo, la relazione è iniziata dopo Ferragosto, il primo incontro risale a metà luglio. Alla fine i due sono rimasti insieme due mesi e mezzo e non quattro come dichiarato dalla donna. Sulla vicenda misteriosa delle registrazioni il ragazzo afferma di averle ma “confermano che sono stato minacciato più volte e per tutelare la mia persona”. La rivelazione è arrivata durante una cena tra i due con testimone la madre di Moreno. “Visto che nei prossimi giorni dobbiamo andare da Barbara, facciamo finta di stare insieme un paio di mesi e poi diciamo che ci siamo lasciati“, avrebbe detto la Caruso.

Il colpo di scena arriva alla fine dell’intervista, viene mostrato un referto medico del pronto soccorso in cui si legge “percosse da persona nota”. Cos’è successo? Lo spiega lo stesso Merlo: “Durante un giro in macchina dopo continui insulti ha perso la testa, mi ha tirato uno schiaffo da dietro mentre guidavo. Sono sceso dalla macchina per allontanarmi. Lei mi ha seguito e quando le dico che non ho le chiavi di casa, mi tira altri tre schiaffi”. Pronta la replica telefonica di Paola Caruso che smentisce totalmente i fatti. Barbara d’Urso allora coglie la palla al balzo per invitare i due domenica prossima per il confronto definitivo. La soap opera continua.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Domenica In, Gianna Nannini interrotta dalla diretta del Tg1 per il Papa. Mara Venier sbotta: “Non siamo stati avvisati, sono nera”

prev
Articolo Successivo

Che tempo che fa, la gaffe di Fabio Fazio non passa inosservata: “La Tosca di…”. Il conduttore costretto a scusarsi in diretta

next