L’Olocausto come regalo di Natale. Tra un tappo di bottiglia con il lago di Poznan e un cavatappi con la cattedrale di Varsavia, gli ornamenti natalizi con sopra ampie “vedute” del campo di stermino di Auschwitz sono rimasti in vendita online per parecchio tempo fino al dietrofront di Amazon. La vicenda è stata raccontata da diverse testate internazionali. È apparsa sul profilo Twitter dell’Auschwitz Memorial la prima sbigottita e sdegnata segnalazione sul prodotto inconsueto in vendita online. Parliamo di apribottiglie, decorazioni per alberi di natale, tappetini per il mouse, con le foto di alcuni angoli del campo di sterminio nazista, e perfino del tristemente celebre portone d’arrivo (la banhrampe) dove transitavano i vagoni piombati con gli ebrei deportati.

L’Auschwitz Memorial ha definito questa merce “inquietante e irrispettosa” e ha invitato alcuni giorni fa il rivenditore a rimuoverla. Come ha riportato il New York Times, Amazon ha dichiarato che i prodotti sono stati rimossi e che “tutti i venditori devono seguire le nostre linee guida di vendita”, coloro che non lo faranno, hanno spiegato, “saranno soggetti anche alla potenziale rimozione del loro account”. Un intervento non proprio deciso perché se in un primo momento medaglioni e tovagliette sono scomparse dal sito di un rivenditore, sono poi riapparse 24 ore dopo sulla pagina web di un altro. Quest’ultimo aveva messo di nuovo in vendita un tappetino per mouse con sopra stampato un vagone piombato definito “il massacro di Auschwitz”. Ed è stata nuovamente l’Auschwitz Memorial da Twitter a segnalare la recidiva. Nel campo di sterminio del sud della Polonia vennero uccise oltre un milione di persone di origine ebraica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Paolo Bonolis a Io e Te: “Da ragazzino sbirciavo nel bagno delle donne, la prima zizzetta che toccai, mi tornò utile per tre anni”

prev
Articolo Successivo

Niccoló Bettarini, per i giudici chi ha aggredito il figlio di Simona Ventura lo voleva uccidere: Violenza inaudita, coltellate nelle parti vitali”

next