Paolo Bonolis mattatore durante la lunga intervista al talk di Rai Uno “Io e Te” per presentare il suo nuovo libro autobiografia “Perché parlavo da solo”. “È un regalo che fondamentalmente ho voluto fare ai miei figli. – rivela il conduttore – Mi sarebbe piaciuto avere un libro scritto da mio padre per conoscerlo un po’ di più. Io l’ho voluto lasciare a loro, ai più piccoli, soprattutto, affinché un giorno, magari crescendo, lo leggeranno, perché fondamentalmente nel libro c’è assenza totale di ipocrisia e volontà di far capire ai ragazzi quanto è importante coltivare profondamente i propri sogni e diffidare invece dalle illusioni”.

Nel volume ci sono moltissimi aneddoti legati anche alla vita privata. Bonolis, ad esempio, confessa di aver sbirciato nel bagno delle donne da ragazzino: “Ma è ovvio! Erano tempi differenti! Io la prima zizzetta che toccai, mi tornò utile per tre anni”. Il conduttore spiega nel dettaglio come fossero diverse le cose: “Era difficile allora, non c’era la possibilità che c’è oggi, che ti toglie anche molto! Oggi puoi vedere tutto in continuazione e arrivi a 18 anni che già sei stufo, o quantomeno devo immaginare una sessualità alla Cirque du Soleil”.

Nonostante il grande successo, il conduttore è schivo ed evita le serate mondane. “La solitudine è una splendida posizione nell’esistenza, dove ti permetti di ragionare e di pensare senza il frastuono degli altri. – racconta – Al contempo, è qualcosa che le nuove generazioni stanno perdendo soprattutto nella possibilità di annoiarsi”. Il suo pensiero è rivolto alle nuove generazioni: “I giovani oggi vengono telecomandati nella loro quotidianità, dagli smartphone, anche da genitori particolarmente ossessivi, che scandiscono la loro giornata con una posologia quasi da campo di concentramento, perché è impressionante le cose che devono fare! Quasi che la noia non debba toccare la loro vita, mentre è nella noia e nella solitudine che uno tira fuori sé stesso per cercar di sgusciar fuori da una situazione che lo vede da solo, e da solo si costruisce la propria personalità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Biagio Antonacci a FqMagazine: “C’è molta confusione in giro, la crisi di oggi nasce dalla paura di non farcela e da una politica instabile”

prev
Articolo Successivo

Amazon, il vendita sul sito ci sono anche decorazioni di Natale a tema Auschwitz: ritirate. Il Memoriale: “Merce inquietante”

next