Giovedì era all’archivio di Stato di Torino, nella centralissima piazza Castello, a due passi dal Palazzo Reale. Mario Borghezio, ex europarlamentare della Lega, stava consultando dei documenti risalenti al periodo della seconda guerra mondiale e che, secondo La Stampa, valgono circa 100mila euro quando una funzionaria dei beni culturali gli è andata incontro per capire cosa stesse facendo: “Avevo messo una graffetta su alcuni fogli per tenerli da parte e poi fotocopiarli”. Per farlo, però, avrebbe dovuto portarli fuori, ma il regolamento lo vieta e per questo la funzionaria ha allertato i Carabinieri del nucleo Tutela patrimonio culturale (la cui sede è lì vicino) che ieri hanno inviato la segnalazione alla Procura di Torino.

Per Borghezio questa vicenda si basa sul nulla: “La segnalazione fatta dall’archivio di Stato si fonda su un equivoco – spiega a Ilfattoquotidiano.it – Volevo fotocopiare dei documenti, ma non è possibile farlo lì dentro”. Per questo, stando a quanto riferisce, aveva messo una graffetta sui fogli da portare fuori e fotocopiare per poi riportarli. Si trattava di documenti riguardanti le misure di prevenzione messe in atto nel corso di bombardamenti a Torino durante la seconda guerra mondiale, materiale raro. A La Stampa ha dichiarato che al massimo si sarebbe aspettato una lavata di capo, “nulla di più”. Invece ora è finito sotto la lente della Procura perché quel suo gesto ha insospettito la funzionaria che lo ha avvicinato mentre l’ex eurodeputato era ancora impegnato a consultare i documenti. “Non era mia intenzione rubarli”, ribadisce lui.

Secondo il quotidiano torinese i carabinieri specializzati nel settore dei beni culturali potrebbero estendere le ricerche e verificare se, tra i documenti richiesti da Borghezio in passato, agli archivi ne manchi qualcuno. “Se venissero a controllare, di tutto il materiale che io colleziono a casa non c’è niente che sia stato sottratto. Non ho mai preso neanche un foglio”. La sua passione per gli archivi, continua il politico, ha quasi mezzo secolo: “Ho cominciato a frequentarli negli anni dell’università, quando ho scritto la tesi di storia del diritto basata soprattutto su materiali d’archivio”. Ora continua a frequentarli per altre ricerche: “Sono stato anche negli archivi dell’Antimafia per cercare documenti sui legami tra mafia, politica e massoneria”. E poi colleziona libri antichi girando per i mercatini dell’usato: “Sono un grande acquirente, ma anche un consulente de facto di molti venditori”.

Dopo la segnalazione alla Procura è stato aperto un fascicolo di indagine che il procuratore aggiunto Enrica Gabetta ha affidato al sostituto procuratore Francesco Pelosi, davanti al quale Borghezio dovrà fornire delle spiegazioni plausibili. A quanto risulta a Ilfattoquotidiano.it, non è ancora stata formulata un’ipotesi di reato. Potrebbe configurarsi la violazione del testo unico dei beni culturali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monte Bianco, valanga a punta Helbronner a Courmayeur: “Due sciatori morti”

next
Articolo Successivo

“Erika De Nardo ha una nuova vita e si è sposata”: l’annuncio di don Mazzi. 18 anni fa il duplice omicidio di Novi Ligure

next