Giovanni Ciacci non le manda a dire e così, in un’intervista al Giornale, ha spiegato le motivazioni che lo hanno spinto a lasciare la Rai, commentando anche la sua esperienza con le ex colleghe, Caterina Balivo e Bianca Guaccero. Secondo lui gli attriti con Viale Mazzini sono incominciati dopo la sua partecipazione a Ballando con le Stelle in coppia con Raimondo Todaro: “Ha dato molto fastidio questa cosa. La libertà dà sempre fastidio ma in Rai danno fastidio un sacco di cose – ha detto Ciacci -. Ora sto da un’altra parte, mi diverto e lavoro benissimo. In generale io lavoro dove mi sento libero di esprimermi. A Rai2 non potevo più farlo e me ne sono andato”.

“Lavorare con Caterina Balivo vuol dire lavorare con una prima donna, la conduttrice classica, tu fai la spalla della padrona di casa, la segui e dai il tuo – ha proseguito -. A Detto Fatto con Bianca Guaccero mi sentivo ospite in casa mia, quindi non è stata un’annata facile. Forse cercava un partner che cantava e che ballava ma io non sono bravo”, ha concluso Ciacci.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

X Factor 13, Eugenio Campagna stona e polemizza con i giudici: “Sono stanco”. Mara provoca Malika e Samuel: “Le gatte morte si sono svegliate”

next
Articolo Successivo

Conto alla rovescia, Gerry Scotti sbotta durante il gioco per le critiche ricevute: “Io non sono qui a farvi perdere tempo”

next