Due targhe dedicate alle vittime delle leggi razziali sono state imbrattate a Roma. A denunciare l’accaduto è la sindaca Virginia Raggi che sulla sua pagina Twitter ha scritto: “Imbrattate targhe delle strade intitolate la settimana scorsa a chi ha combattuto contro fascismo e razzismo, prima erano dedicate a firmatari del ‘Manifesto della razza‘. Gesto vergognoso. Ripuliamo subito”. Un tweet accompagnato anche da una foto nella quale si vedono le due targhe, “Largo Nella Mortara” e “Via Mario Carrara”, che la scorsa settimana per volere del Campidoglio avevano sostituito altre che intitolavano le stesse strade ai firmatari del Manifesto della razza, imbrattate con vernice nera.

Commenti sono arrivati anche dal Italia Viva e da Forza Italia. “Un gesto vergognoso, vile. Non fermeremo mai il nostro impegno contro la cultura dell’odio”, il senatore renziano Ernesto Magorno. “Inaccettabile vandalismo a Roma contro targhe dedicate a vittime leggi razziali. Non sarà mai abbastanza, anche in una #democrazia come la nostra, l’impegno per rafforzare e difendere la cultura della libertà e per far sì che la storia sia patrimonio condiviso”, ha detto Annalisa Calabria di Forza Italia.

La settimana scorsa la sindaca aveva cancellato dalla toponomastica i nomi di due firmatari del Manifesto della razza del Fascismo. Le strade era state intestate a scienziati che si opposero e furono vittime di discriminazioni razziali durante il regime fascista. Nel Municipio XIV via Donaggio era diventata via Mario Carrara, largo Donaggio invece largo Nella Mortara, mentre nel IX Municipio via Zavattari era stata ribattezzata via Enrica Calabresi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poste, Antitrust avvia istruttoria per “presunta pratica commerciale scorretta”: “Clienti ingannevolmente indotti ad acquistare servizi”

next
Articolo Successivo

Sardegna, nella legge di Bilancio c’è la norma ‘salva-amici’: “Così Solinas vuole blindare due nomine illegittime”

next