Carolyn Smith, presidentessa di giuria a Ballando con le Stelle, combatte da tempo una dura battaglia contro il cancro che racconta sui suoi social non solo per avere il sostegno dei suoi tantissimi fan ma anche per essere d’ispirazione a chi vive un momento difficile come il suo. La coreografa è una donna forte, capace di affrontare con il sorriso anche le fasi più complesse. Stavolta però ha perso la pazienza: il motivo? Alcuni post e notizie che hanno cominciato a diffondersi riguardo a un suo inesistente peggioramento. Fake news. “Oggi si riparte. Nuovo trattamento per uccidere le cellule rimanente. Ho grande fiducia. Sto pian piano riorganizzando la mia regime di vita per combattere al massimo questa situazione. MA VOGLIO DIRE UNA COSA!!!! – ha scritto Carolyn in un post su Facebook – Grazie di cuore ai veri giornalisti professionale che raccontano la verità sul di me. Scrivano i fatti non cazzate. Invece faccio la guerra contro CHI SCRIVE CAZZATE E FAKE NEWS nel mio confronto. Questi non sono giornalisti veri, anzi non sono degni a fa parte della categoria giornalisti. Cosa ci voleva per cliccare sulla mia pagina IG e FB e vedere la verità. Non sono neanche faticato a fare una ricerca ……Poi per che cosa? Audience? Più visibilità? Non ho ancora capito! Ma non ci pensano le conseguenze e i danni che provocano? Non ci pensano come posso sentire io? I miei famigliari? I miei amici? I miei collaboratori? Non è giusto che giocano sulla salute e la morte mio. SONO PIU VIVA CHE MAI!!!“.

Visualizza questo post su Instagram

Oggi si riparte. Nuovo trattamento per uccidere le cellule rimanenti. Ho grande fiducia. Sto piano piano riorganizzando il mio regime di vita per combattere al massimo questa situazione. MA VOGLIO DIRVI UNA COSA!!! Grazie di cuore ai veri giornalisti professionisti che raccontano la verità su di me. Per fortuna la maggior parte scrivono i fatti e non cazzate. Invece faccio la guerra contro chi SCRIVE CAZZATE E FAKE NEWS nei miei confronti! Mentre stavo giudicando a Blackpool al British Closed Championship con grande tranquillità, arriva un messaggio dal mio oncologo con un link di un articolo che diceva: ”CAROLYN SMITH, EX GIUDICE DI BALLANDO CON LE STELLE: ‘STO MORENDO!’. Ho preso un colpo e mi ha fatto incazzare. Mi ha sconvolto. Questi non sono giornalisti veri, anzi non sono degni di far parte della categoria giornalisti. Abbiate rispetto. Cosa ci voleva a cliccare sulla mia pagina IG e FB per leggere la verità? Non hanno neanche faticato nel fare una ricerca. Poi per che cosa? Audience? Più visibilità? Non ho ancora capito! Ma non ci pensano alle conseguenze e ai danni che provocano? Non pensano a come posso sentirmi io? I miei famigliari? I miei amici? I miei collaboratori? Sono arrivati talmente tanti messaggi chiedendomi che cosa stesse succedendo!? Questa gente mi ha creato un caos, un disagio immenso che sinceramente non ne avevo bisogno! Sapendo che devo riprendere i nuovi trattamenti per me è già abbastanza pesante questo da digerire. Ma questa volta non la faccio passare. Non è giusto che giochino sulla salute e la mia morte. SONO PIÙ VIVA CHE MAI!!! Buona giornata tutti. ???? #smile #woman #wonderwoman #SorridoENonMolloMai

Un post condiviso da Carolyn Smith (@carolynsmith5) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maurizia Paradiso: “Sono sola, mi hanno abbandonata tutti, mi considerano già morta. Vorrei solo essere ascoltata, sennò inizierò lo sciopero della sete e dei farmaci”

next
Articolo Successivo

“Baraccati”, l’incontro sugli invisibili che popolano Roma da Don Sardelli alla giunta Raggi

next