Un’autobomba è esplosa nel nord-est della Siria, provocando almeno 17 morti e 20 feriti. L’attentato è avvenuto nel villaggio di Tal Half, nei pressi di Ras al Ayn. L’area è occupata dall’esercito turco e dai ribelli siriani sostenuti dalla Turchia. La zona è passata sotto il loro controllo dopo l’offensiva di ottobre contro le milizie curde delle Syrian Democratic Forces (Sdf), che si sono ritirate da Ras al Ayn in seguito all’accordo per il cessate il fuoco mediato dagli Stati Uniti.

La notizia dell’esplosione è stata riportata dal ministero della Difesa di Ankara, che ne ha incolpato le milizie curde. L’attacco è solo l’ultimo di una serie di attentati che hanno colpito la zona dopo l’occupazione turca. Le milizie curde sono ritenute terroriste da Ankara per i loro legami con i militanti curdi in Turchia, ma hanno collaborato con gli Stati Uniti nella lotta contro l’Isis.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Albania, scossa di terremoto 6.5 a Durazzo: almeno 26 morti, 657 feriti. Diversi palazzi crollati, anche due hotel: si scava tra le macerie

next
Articolo Successivo

Malta, blackout lascia l’isola al buio per quasi tre ore. Problemi di connessione con l’Italia

next