“Il fatto che non mi sia sposata o che non abbia un compagno ufficiale, non vuol dire in questi anni sia sempre stata sola. Diciamo che sono stata brava a vivere la mia storia importante senza che nessuno se ne accorgesse. Eravamo entrambi liberi, non c’erano problemi”. A rivelarlo è Maria Elena Boschi, l’ex ministra del governo Renzi ora capogruppo di Italia Viva alla Camera, in un’intervista al settimanale Chi in cui è tornata a parlare anche del selfie in bikini che ha pubblicato quest’estate in risposta ad un attacco del leader leghista Matteo Salvini.

Non sono assolutamente pentita di aver risposto a chi mi attaccava con quel post in cui ero in costume insieme con delle amiche – ha spiegato Maria Elena -. Era estate ed ero al mare. Alla Camera o al Quirinale vesto in maniera adeguata, ma al mare d’estate vado in costume. E il fatto che nessuno abbia fatto polemica su Salvini che mi attaccava in boxer, ma solo su di me che ho risposto in bikini, la dice lunga su quanto maschilismo ci sia ancora da noi”.

“In questi sei anni ho vissuto intensamente, ma credo di non essere cambiata molto – ha proseguito l’ex ministra, tirando le somme della sua esperienza politica -. Sono maturata e cresciuta. Ho cercato di imparare. Ecco, ho scoperto un aspetto del mio carattere che non conoscevo, la resilienza. Fino a qualche anno fa non sapevo che cosa fosse subire una sconfitta. Dalla sconfitta però si può imparare e ripartire. Ho scoperto che cosa vuole dire lavorare sotto pressione, coi riflettori puntati h24 quando ero al governo. E ho capito che riuscivo a mantenere la calma, a ripartire con il sorriso”.

Calma che ha mantenuto anche quando le sono stati attribuiti molti flirt. E sul fatto che Maurizio Costanzo abbia previsto per lei un futuro in tv dopo la politica risponde: “Ringrazio Costanzo, che è un gigante della tv, per le sue parole, ma finita l’esperienza politica tornerò a fare l’avvocato. È il lavoro che ho scelto. Che amo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Lewis non ce l’ha fatta”: è morto piccolo il koala salvato dalle fiamme degli incendi in Australia

next
Articolo Successivo

Taffo, il social media manager: “Lo spot contro la violenza sulle donne? Contento di averlo fatto e mi prendo tutta la me**a possibile”

next