Non ce l’ha fatta il piccolo Lewis, il koala salvato dalle fiamme che stanno distruggendo le foreste dell’Australia solo grazie a una donna che aveva messo in pericolo la sua stessa vita per soccorrerlo. L’animale aveva cercato infatti rifugio su un albero circondato dal fuoco: la donna ha sentito le sue grida disperate e non ha esitato a togliersi la camicia, corrergli incontro e portarlo in salvo. Il koala era stato trasportato al vicino ospedale veterinario di Port Macqarie el Nuovo Galles del Sud, una struttura veterinaria specializzata dove solo negli ultimi giorni sono stati portati altri 30 esemplari.

Le sue condizioni, apparse fin da subito gravissime, non sono migliorate e così i veterinari hanno dovuto prendere la difficile decisione di mettere fine alle sue sofferenze. “Oggi abbiamo preso la decisione di addormentarlo”, ha scritto l’ospedale in un post su Facebook. “Lo abbiamo posto in anestesia generale per valutare le sue ustioni e cambiargli le bende… Le ferite sono peggiorate e purtroppo abbiamo capito che non sarebbero migliorate”, hanno spiegato i medici. Sono circa 350 i koala morti negli ultimi giorni a causa degli incendi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rebecca De Pasquale: “Ero don Mauro, poi in convento mi sono innamorata di un novizio e suonavamo la campana… din don dan”

next
Articolo Successivo

Maria Elena Boschi: “Sono stata brava a vivere la mia storia importante senza che nessuno se ne accorgesse”

next