Tre giorni con I Goonies. Il 9, 10 e 11 dicembre 2019 tornerà nelle sale italiane la celebre commedia avventurosa del 1985 ideata e prodotta da Steven Spielberg. Il cult Warner bros., che incassò oltre 120milioni di dollari, decuplicando il suo budget iniziale, verrà riproposto rimasterizzato in 4k. Un tipico titolo anni ottanta con alcuni ingredienti chiave e universali: una banda di bambini simpatici e coraggiosi, una mappa del tesoro e i cattivi all’inseguimento dei buoni. I Goonies, nomignolo preso dal quartiere Goon Docks di Astoria nell’Oregon dove vivono i piccoli protagonisti, vede nel cast un diciassettenne Josh Brolin e un’altra faccetta che in quel periodo in molti ricorderanno: Jonathan Ke Quan, il bimbo di origine cinese che accompagna Harrison Ford per tutto il film in Indiana Jones e il tempio maledetto. Curioso anche il fatto che I Goonies a differenza di altri titoli con un cast di bimbi (molti all’epoca, citiamo Stand by me) non ha poi lanciato granché nel futuro olimpo delle star i sui piccoli attori. Sean Austin (nel film Mikey) è forse quello finito più ai piani alti di Hollywood interpretando Samwise Gamgee ne Il signore degli anelli. Corey Feldman (Bocca) è diventato famoso più che altro per essere stato tra i ragazzini che hanno accusato Michael Jackson per violenze e abusi (per poi ritirare ogni accusa). Mentre Jeff Cohen (Chunk) ha recitato fino ai primi anni novanta poi è diventato un importante avvocato. L’ottima regia è di Richard Donner (Superman, Arma Letale) mentre lo script è di Chris Columbus (Mamma ho perso l’aereo). Per chi non l’ha visto e per chi non c’era, una buona occasione per un classico anni ottanta. Con bimbi al seguito

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matteo Voltolini, il video hard del portiere della Reggiana con la fidanzata nei bagni della discoteca diventa virale: “A filmarlo forse un giocatore di basket”

prev
Articolo Successivo

Marie Kondo apre un e-commerce di oggetti. Gli ex fan la accusano: “Ci fa svuotare le case per riempirli con oggetti venduti da lei”. E noi siamo andati a una giornata di ‘decluttering’

next