Vent’anni e non sentirli. Sempre precursori dei suoni moderni, ma anche di diversi temi d’attualità, i Subsonica tornano insieme per celebrare al meglio la grande festa di “Microchip Emozionale” che si è trasformato in “Microchip Temporale”, in uscita il 22 novembre. Samuel, che si è tolto i vestiti del giudice di X Factor dove sta raccogliendo consensi per la sua competenza e precisione, assieme a Max Casacci (produttore e chitarrista), Boosta (tastierista), Ninja (batterista), e Vicio (bassista) hanno deciso di riprendere tutti i brani del disco e riarrangiarli assieme a quattordici amici e rappresentanti della scena contemporanea musicale. A cantare ci sono Achille Lauro, Coez, Coma_Cose & Mamakass, Cosmo, Elisa, Ensi, Fast Animals And Slow Kids, Gemitaiz, Motta, M¥Ss Keta, Nitro, Lo Stato Sociale e Willie Peyote. “Abbiamo cercato di fare un viaggio a ritroso nel tempo in questi anni – ha dichiarato Samuel – e per riuscire a guardare il nostro percorso del passato, e abbiamo scelto di farlo con le voci musica italiana d’attualità. Siamo riusciti a coinvolgere proprio loro e questo ci dà la possibilità di vedere quello che abbiamo fatto con uno sguardo contemporaneo”.

“Questo progetto è stato il pretesto per inserire nel nostro percorso musicale l’ironia – ha aggiunto Max -. Avevamo voglia di giocare e scherzare. Quello che abbiamo fatto non è una ripetizione del disco di vent’anni fa. C’è uno sguardo verso il futuro”. Proprio come testimonia il brano di apertura “Sonde” “che parlava nel 2000 di un argomento attuale – racconta Max – come l’utilizzo dei sistemi di sorveglianza informatica, ad esempio Echelon, in una fase che oggi potremmo definire tecnologicamente preistorica. Anche se poi in qualche modo ci abbiamo azzeccato, per tutte le complicazioni che sono avvenute con i nostri dati sensibili, anche nel passato recente. Abbiamo scelto di intervenire sul testo rapportandolo al contesto storico attuale. Indubbiamente i primi sorveglianti tecnologici siamo diventati noi stessi, attraverso i più comuni oggetti quotidiani, a iniziare dai social. Per questo abbiamo chiamato Willie Peyote, perché ha uno sguardo attento sul presente”.

Tra le chicche del disco c’è anche “Lasciati”, reinterpretata da Elisa. “Abbiamo scelto di coinvolgere alcuni tra quelli che hanno oggi la nostra età di allora. – rivela Samuel – Ma Elisa, per noi, è una voce senza età. Abbiamo trascorso con lei molte serate. Un nostro incontro musicale è rimasto sospeso nell’aria per più di un decennio. Semplicemente era arrivato il momento”.

I Subsonica nel loro percorso artistico hanno toccato diversi temi d’attualità, anticipandone anche i tempi, come appunto con “Sonde”. “Abbiamo chiacchierato molto con i ragazzi che hanno cantato nel nostro disco. Tutti sono accomunati da un senso di rivalsa rispetto al passato. – racconta Max – Siamo convinti che i giovani abbiano un ruolo attivo sulla società di oggi, vedi Greta o anche i ragazzi scesi in piazza a Bologna giorni fa. Sono il simbolo di una reazione generazionale netta che purtroppo, al momento, non trova corrispondenze nel nostro Paese (mentre in Europa e in America questo avviene) perché è difficile un cambio generazionale. Però in generale c’è una reazione visibile, concreta, che lascia ben sperare nel futuro”.

Nel futuro della band c’è sicuramente un tour che inizia il 5 marzo e che vedrà alternarsi sul palco alcuni degli ospiti del disco. Se vent’anni fa i Subsonica sono saliti sul palco del Teatro Ariston con “Tutti i miei sbagli”, c’è la possibilità che vadano a Sanremo 2020? “Direi in generale di non fare troppa televisione in così poco tempo – dichiara Samuel -. In gara no, magari come superospiti sì, per festeggiare i vent’anni della ricorrenza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alessandro Haber definito un “vecchio allupato” dopo aver fatto una battuta sul palco di Bellinzona. Lui: “Hanno montato un caso sul nulla”

prev
Articolo Successivo

L’ex tronista Cartasegna su Frosinone: “Talmente brutta che l’Unesco la vuole cancellare dalle mappe”. Paolo Bonolis: “Coglio**”. Poi le scuse

next