Botta e risposta a DiMartedì, su La7, tra il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, e uno dei leader del movimento delle Sardine, Mattia Santori. “Non avete un progetto politico – ha detto il giornalista ospite di Giovanni Floris – e abbiamo visto che fine hanno fatto i movimenti senza un’idea politica, come i girotondi. In più fate attenzione a pensare che Matteo Salvini sia il male assoluto. Questo lasciatelo dire ai grandi” ha concluso, ironico, Sallusti. “Non pensiamo che sia il male assoluto, anzi. Crediamo che sia più umano e fragile di quanto non lasci pensare, tanto che è stato battuto da quattro ragazzo che hanno pigiato i bottoni sulla tastiera” è stata la replica di Santori, che si riferiva alle due manifestazioni anti-Lega in piazza Maggiore a Bologna e in piazza Grande a Modena.

Video La7

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Gratteri su accuse della deputata Pd Bruno Bossio: “Ho spalle molto larghe e sistema nervoso d’acciaio. Non temo provocazioni”

next
Articolo Successivo

Emilia Romagna e ‘sardine’, Bersani a Dimartedì: “Come diceva Lucio Dalla, a modo mio quel che sono l’ho voluto io”. E cita Basaglia

next