Migliaia di persone hanno manifestato a Bologna in dissenso alla serata di avvio della campagna elettorale del centrodestra, con Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni in città al PalaDozza. Piazza Maggiore, vista dall’alto, ieri sera era piena. Oltre ai cori “Bologna non si lega”, anche le canzoni di Lucio Dalla e Bella Ciao.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salvini a Bologna, i leghisti in coda salvano il presidente Pd Bonaccini: “Buon amministratore. Ma sull’immigrazione bisogna cambiare”

next
Articolo Successivo

M5s, il senatore Grassi annuncia l’addio: “Abbandonare è legittima difesa. Contrario ad Agenzia per la ricerca, non voto la manovra”

next