Prima Bologna, poi Modena. Presto Torino, Milano, Genova, Firenze, Puglia e altre città, tra cui Benevento, Reggio Emilia e Sorrento. Il movimento delle sardine (nato per proporre un’alternativa a Salvini e alla sua Lega) cresce e si moltiplica in tutta Italia, da Nord a Sud, con ritmi e numeri per certi versi inaspettati. Il boom di Piazza Maggiore nel capoluogo emiliano e poi il bis a Modena hanno creato emulazione, tanto che le manifestazioni già convocate a Firenze e Genova hanno raggiunto in poche ore quasi 10mile adesioni. E il trend è in continua espansione, la controprova è la pagina Facebook “Arcipelago delle Sardine” aperta in Puglia, che ha fatto segnare quasi 39mila iscrizioni in neanche 48 ore.

Il 30 novembre sardine (e Salvini) a Firenze – Sabato 30 novembre il leader della Lega sarà a Firenze, al Tuscany Hall, per una cena con mille militanti del Carroccio per dare il via ufficiale alla campagna in vista delle elezioni regionali della primavera del 2020 in Toscana. E come già accaduto a Bologna e a Modena, anche nel capoluogo toscano scenderanno in piazza le ‘sardine‘ con lo slogan “La Toscana non si Lega”. Dalle 18.30 alle 19,30 è l’orario indicato della manifestazione, che al momento non ha un luogo prescelto, anche si ipotizza piazza della Repubblica, nel centro storico. L’iniziativa delle ‘sardine’ fiorentine è stata lanciata su Facebook da Bernard Dika, 21 anni, ex millennials della direzione Pd quando il segretario del partito era Matteo Renzi. L’evento organizzato su Facebook interessa ad ora 25.208 persone e 7.389 persone dichiarano che “parteciperanno”.

Rimini non abbocca – Domenica 17 novembre alle 17 è invece il turno di Rimini, alla Vecchia Pescheria. L’evento sarà in contemporanea con la visita in città del leader della Lega che – si legge nella convocazione su Facebook – “insieme alla sua candidata ombra inaugurerà la nuova sede della Lega a Rimini, facendo passare il messaggio che la Romagna è ormai presa”. Il titolo dell’evento è ‘Rimini non abbocca (Pesce palla in arrivo)’.

Flash mob a Reggio Emilia – Dopo Bologna e Modena le ‘sardine’ si mobilitano anche a Reggio Emilia con un flash mob dal titolo ‘Non si Lega’ in programma per sabato nonostante non sia prevista una visita elettorale di Matteo Salvini. Nella città emiliana il leader del Carroccio ha già fatto tappa il 9 novembre scorso. L’appuntamento è per il 23 novembre alle 18.30 in Piazza Prampolini, davanti al Municipio, cuore del centro storico reggiano. A organizzare l’evento un gruppo di dieci persone. L’appuntamento – come da prassi – è stato lanciato su Facebook e in poche ore ha raggiunto migliaia di condivisioni. “Ci troveremo con la pioggia o con il vento per ricordare a tutti che l’Emilia non è quella che racconta Matteo Salvini – spiegano gli organizzatori – che l’Emilia non è una terra di odio e di razzismo ma una terra di pace, fratellanza, tradizioni e valori della Resistenza che non abbiamo dimenticato. Noi giovani reggiani scendiamo in piazza per dire no a questa destra estrema in nome di quello in cui crediamo”. Anche in questo caso, tra i requisiti per partecipare, la richiesta di non portare bandiere o simboli di partito.

A Genova 8mila adesioni per il 28 novembre – Oltre 25oo partecipanti, più di 8mila persone interessate: sono i numeri dell’appuntamento organizzato dalla pagina ‘Sardine di Genova’, che ha lanciato la mobilitazione nella città della Lanterna per il prossimo 28 novembre, in piazza De Ferrari, nel cuore del capoluogo ligure.
“Anche a Genova una piazza di sardine – scrivono gli organizzatori – Per contarci e chiedere con forza un paese più umano e solidale, per dire che siamo contro l’odio e le divisioni, che non si costruisce il consenso sulla paura e sulla manipolazione. Per pretendere che le regioni e i comuni che presto andranno al voto non siano considerate terra di conquista ma comunità di persone, in cui nessuno viene prima degli altri. Per dimostrare che noi stessi siamo comunità e che la politica deve essere al nostro servizio e non servirsi di noi”. Anche qui nessun partito, niente simboli ma l’obiettivo di proporre un modello diverso collettivo. Ad organizzare l’appuntamento in città è Roberto Revelli, educatore. “Nessun insulto, nessun simbolo, nessun partito – si legge ancora nel richiamo dell’evento – Ci troviamo in Piazza De Ferrari il 28 novembre alle 18. Portatevi dietro un pescione di carta da sventolare. Per protestare dobbiamo solo essere in tanti. Lo scopo di questo evento vuole essere lo stesso di quello di Bologna“.

A Milano in piazza il primo dicembre – Il primo dicembre. È questa la data per il battesimo ufficiale delle sardine milanesi che organizzano una manifestazione di protesta: alle 17 in piazza Duomo. Sulla pagina Facebook “Sardine a Milano” ci si chiede se esista una sinistra subacquea. “Le piazze di Bologna e Modena -scrivono gli organizzatori- sembrerebbero dire di si, sembrerebbero dire che esiste quel senso comune, una volta identificativo della sinistra, che permea e crea la società. Una coscienza collettiva ben radicata che non si identifica in un partito, o meglio che in parte probabilmente si identifica nei tanti partiti che costituiscono il variegato e frazionato mondo della sinistra, che esercita sistematicamente e quotidianamente quei valori progressisti legati all’idea di giustizia sociale che sono contenuti nella nostra Costituzione”. “Subacquea, non visibile in superficie, ma che è pronta a manifestare la propria presenza con migliaia di bolle di ossigeno ogni qual volta è necessario”. A Milano ricordano che “è stato così pochi giorni fa quando, migliaia di ombrelli aperti sotto una pioggia battente e un freddo pungente, hanno organizzato una scorta solidale a Lilliana Segre. Vicine per condividere gli ombrelli migliaia di sardine hanno ribadito il valore dell’antifascismo e dichiarato la mai cessata resistenza all’odio”. Perchè “le sardine di Milano non odiano nessuno, si oppongono e contrastano la cultura dell’odio e la paura dell’altro e con questo spirito affronteranno le prossime piazze e le prossime iniziative”.

Torino si ‘slega’ – Una data ancora non c’è ma anche a Torino sono in corso prove di organizzazione del movimento spontaneo delle sardine che secondo post che rimbalzano sui social sotto la Mole dovrebbe aver raccolto già 24mila e 300 adesioni. Per ora sulla pagina di uno degli amministratori torinesi compare la scritta ‘Partiamo da qui!’ con il logo della Mole e lo slogan ‘Torino si slega’ pronunciato da una decina di sardine accompagnato dalle scritte ‘Flash mob’ e ‘data da definirsi’.

In Puglia 39mila iscrizioni alla pagine Arcipelago delle Sardine – L’hanno ‘aperto’ domenica e oggi è già arrivato a 39mila membri, con un aumento esponenziale dei numeri senza soste: si chiama “Arcipelago delle Sardine” ed è il gruppo fondato e amministrato da Davide Carlucci, sindaco di Acquaviva delle Fonti, in provincia di Bari, giornalista e vicecoordinatore di Italia in Comune Puglia. Insieme a lui Grazia De Sario, pugliese di Barletta, anche lei di Italia in Comune, e Susy Ioveno, commercialista di origine napoletana ma trapiantata a Milano, ecologista e promotrice di iniziative di solidarietà con i migranti. Tra gli amministratori figura anche Michele Abbaticchio, sindaco di Bitonto, nel barese, vicecoordinatore nazionale di Italia in Comune. Carlucci ha spiegato che tanti cittadini “hanno fatto sapere di voler fare qualcosa di simile anche qui in Puglia e a Bari. Rispetto a tutti questi processi voglio stare un pò di lato. Vorrei che questa iniziativa fosse gestita dagli stessi fautori. Anche perché noi come civici siamo abituati a dialogare con tutti ma sempre nell’ambito di uno schieramento che abbia dei valori. Per ora il gruppo Facebook sta organizzando iniziative in varie città d’Italia”.

A Sorrento ecco i ‘fravagli’ – Si definiscono ‘figli delle sardine bolognesi’ e in occasione dell’arrivo di Matteo Salvini a Sorrento, giovedì 21 novembre, hanno organizzato una iniziativa ‘#SorrentoNonAbbocca’. Un incontro che sarà di protesta, certo, ma che avrà anche un obiettivo ben chiaro: “Ognuno è invitato a scegliere un libro e portarlo con sé per ‘donarlo’ simbolicamente all’ex ministro. Un libro, scelto dai partecipanti, verrà anche fisicamente donato a Salvini”. Sono i “Fravagli” – termine dialettale per indicare il pescato di piccolo taglio – che hanno intenzione di mostrare il dissenso della Costiera Sorrentina “alla passerella organizzata dal sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo, per il capo politico della Lega Nord”. “#SorrentoNonAbbocca è chiaramente un appuntamento politico ma totalmente apartitico – spiegano gli organizzatori – Chiunque è benvenuto ma chiediamo che non siano portati bandiere e/o simboli di partito”. Poi hanno aggiunto: “Una doverosa precisazione per chi ci taccia di essere antidemocratici: nessuno vuole impedire a Salvini di esprimere le sue opinioni nella conferenza stampa organizzata, anche per questo è stata scelta una location leggermente distante, così come per le altre piazze delle “sardine” d’Italia. Vogliamo, però, ribadire il nostro totale disaccordo con la sua “politica” e le sue “idee””.

Le sardine sannite – ‘AAA Sardine Sannite Cercasi’ è il gruppo pubblico nato a Benevento dopo il flash mob messo in atto a Bologna, in piazza Maggiore, contro il leader della Lega Matteo Salvini. L’idea è partita da Annachiara Palmieri ed Elide Apice e sinora ha raccolto l’adesione di circa 320 persone. “Raccogliamo disponibilità a diventare sardine – scrivono sulla pagina – vediamo quanti siamo. Poi fisseremo data e luogo: senza bandiere e partiti!”. Dunque, non appena il numero di ‘sardine’ raggiunto sarà congruo il Sannio scenderà in piazza per “dire no all’odio“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Zingaretti: “Alle Regionali alleanze più larghe e competitive possibili”

prev
Articolo Successivo

Emilia Romagna, le ‘sardine’ fanno tornare un po’ di ottimismo: c’è ancora voglia di resistenza

next