Dopo l’ondata di maltempo che ha messo in ginocchio Venezia, sui social sono apparsi insulti nei confronti dei veneti. Così il presidente della Regione, Luca Zaia, ha annunciato di voler querelare le persone che “ci hanno augurato di annegare nell’acqua alta. È ora di finirla di accettare tutto mentre lavoriamo in silenzio. Chi scrive certe cose non ha diritto nemmeno di avere la carta d’identità in tasca”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giustizia, Bonafede: “Via libera alla riforma del processo civile. Prescrizione? Due proposte per venire incontro alle altre forze di governo”

next
Articolo Successivo

Liliana Segre è vittima di un revisionismo malato. Ma con gli orrori del passato non si può giocare

next