Si chiama CitBOT ed è la prima chat basata su intelligenza artificiale al mondo in grado di aiutare il cittadino nella difesa dei propri diritti civili. Presentata a Milano dall’Associazione Luca Coscioni, consultabile tramite social e computer, il servizio può essere interrogato su temi come eutanasia, testamento biologico, diritto all’aborto, fecondazione assistita o immigrazione, con il progetto di estenderlo a ogni campo di esercizio delle libertà individuali. “I cittadini hanno bisogno di conoscere i propri diritti, oggi le tecnologie lo permettono” ha spiegato Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e ideatore del progetto. “Il compito delle istituzioni è quello di far sapere ai cittadini i propri diritti, sociali, come sul testamento biologico. Poi chi non è d’accordo no lo farà”.

Sono già più di 6mila le domande alle quali è stata data risposta nella fase di test del sistema. Per accedere al servizio, basta andare sul sito www.citbot.it o sul canale Telegram TeleCitBOT e fare domande in chat sul tema che si vuole approfondire. Lo sviluppo di CitBOT, si basa su algoritmi di machine learning, sistemi informatici che imparano continuamente attraverso le interazioni con gli utenti, in modo da fornire risposte sempre più precise e complete. “Lo Stato non fa nulla per dare accesso a queste informazioni perché non c’è interesse monetario – ha detto Massimo Cappato, fratello di Marco e fondatore di Revevol, azienda che ha sviluppato il sistema CitBOT – Diamo vita a una legge, trasformiamo la sua lettura in conversazione. La cosa importante è che noi non raccogliamo dati da parte dell’utente, che può rimanere completamente anonimo. Il sistema è in grado di imparare, non farà mai lo stesso errore, diventando sempre più preciso e affidabile nelle risposte”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bologna, lo sportello per studenti rifugiati non è solo un aiuto burocratico ma un’idea politica

prev
Articolo Successivo

“Stanco dei soliti viaggi? Ci pensiamo noi”, lo spot ironico di Open Arms che fa riflettere. Poi il messaggio: “Salvare vite non è un reato”

next