Si chiama CitBOT l’Intelligenza Artificiale che aiuta i cittadini a conoscere le risposte relative alle proprie libertà civili. A metterla a punto è stata l’Associazione Luca Coscioni, e i primi quesiti a cui risponde sono quelli relativi all’applicazione della legge sul testamento biologico. Si tratta di una chatbot, ossia di un software “addestrato” per rispondere alle domande mediante l’apprendimento automatico. Chi si collegherà in chat e porrà le sue domande tramite Telegram, il canale TeleCitBOT o il sito ufficiale dell’Associazione Luca Coscioni non avrà a che fare con persone fisiche ma con un computer.

Immagine: Depositphotos

 

Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e ideatore di CitBOT, sottolinea che “oggi i grandi investimenti sull’Intelligenza Artificiale sono realizzati fondamentalmente con due obiettivi: aumentare l’efficacia nel vendere i prodotti, oppure nel controllare i cittadini. È indispensabile investire anche su un modello alternativo: l’intelligenza artificiale civica, per rafforzare il potere del cittadino nel difendere i propri diritti e libertà fondamentali”. Il servizio sarà disponibile a breve anche via Whatsapp, Facebook, Google Assistant, Siri e Alexa.

L’argomento di partenza è il testamento biologico perché i responsabili dell’Associazione ravvisano lacune nell’informazione finora diffusa al riguardo, a fronte di un grande interesse da parte della cittadinanza. La fase di test ha coinvolto gli iscritti dell’Associazione e al momento CitBOT è in grado di rispondere a circa 1.000 domande semplici. Ora prenderà il via una seconda fase di test che coinvolge tutto il pubblico e che è mirata proprio a migliorare le prestazioni del sistema e a permettergli di apprendere di più così da aumentare la propria affidabilità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Gli alberghi sono prestigiosi ma la sicurezza informatica lascia molto a desiderare

next
Articolo Successivo

Auricolari economici 1More Stylish True Wireless, una scelta intelligente per chi non fa sport

next