C’è una novità a teatro, una prima assoluta: un’opera composta da Vittorio Montalti, 35 anni, vincitore del premio di composizione del Teatro dell’Opera di Roma. Alla faccia di chi dice che è un genere morto. Un Romano A Marte, opera ispirata alla commedia di Ennio Flaiano con libretto di Giuliano Compagno, è in cartellone al Teatro Nazionale il 22, 23 e 24 novembre. Un omaggio alla città di Roma “bizzarro e onirico” che si muove per quadri, intrecciando orchestra e musica elettronica. I primi a vederla saranno i ragazzi, all’anteprima giovani del 21 novembre: “A loro voglio dire che l’opera non è una cosa che è morta con Verdi – dice Montalti – Esiste ancora, e chi la scrive è qualcuno che ha pochi anni più di loro e ascolta la stessa musica su Spotify“.

Vittorio Montalti è alla sua quarta opera: ha lavorato con la Biennale di Venezia, con il Teatro La Fenice, con il Maggio Fiorentino e ora ha vinto un concorso dell’Opera di Roma: “L’idea è stata di Giuliano Compagno per fare un omaggio alla città attraverso questo testo di Flaiano che dipinge dei vizi e delle virtù dei romani”. La commedia, scritta nel 1960 dal giornalista vincitore del premio Strega, raccontava la Capitale attraverso gli occhi dell’alieno Kunt. Ma Un Marziano a Roma, serve solo da spunto: lo spettacolo dell’Opera di Roma inizia con il flop della commedia di Flaiano messa in scena da Vittorio Gassman. A sipario abbassato, appare il marziano Kunt, e inizia un viaggio verso una Roma in trasformazione, così come l’ha raccontata la sapiente penna di Flaiano. La regia è di Fabio Cherstich, dirige l’orchestra John Axelrod. Sul palco Rafaela Albuquerque, Domingo Pellicola, Timofei Baranov, Gabriele Portoghese e Valeria Almerighi.

Ma scordatevi duetti, gonnoni, parrucche e finali tragici: “Se dici opera ti viene in mente qualcosa cui parlano cantando: ma questo appartiene al repertorio, ma non lo trovo attuale” commenta Montalti. “Questo lavoro segue una narrazione astratta, che parte dalla serata dello spettacolo di Gassman e poi procede per quadri”. Come un dipinto di Rauschenberg: tante cose diverse che poi, guardate insieme, trovano un ordine. “Una specie di zapping: omaggi a figure femminili come la Cardinale, il funerale di Flaiano, un intervento di Tonino Guerra che si susseguono in modo bizzarro e un po’ onirico”.

La partitura è per un’orchestra di 40 elementi, che include una tastiera con dei suoni elettronici e un’arpa. “Più l’elettronica, che faccio io dalla regia, e si intreccia con il tessuto orchestrale. Ho una formazione classica al Conservatorio – aggiunge il compositore – ma nei miei lavori filtro diverse influenze musicali”.

La folgorazione con il mondo della lirica arrivò proprio all’Opera di Roma, dove la madre lo portò a vedere il Barbiere di Gioachino Rossini: “Uscii entusiasta e dissi che volevo fare il cantante”. Invece la musica ha cominciato a scriverla: una delle sue opere è proprio basata sulla vita di Rossini, Ehi Gio’. “Il mio è teatro musicale, astratto. Il pubblico c’è, ma non è il pubblico dell’opera tradizionale che vuol vedere solo Verdi e Mozart: viene chi cerca qualcosa di nuovo”. E a proposito di novità, sulla crisi delle fondazioni liriche dice: “Il teatro funziona se ha una programmazione che non si chiude nel repertorio, ma guarda anche a ciò che si produce oggi. Altrimenti diventa un museo delle cere, una cosa ormai finita. Forse è ingenuo da parte mia, ma mi chiedo perché l’Italia, che è la patria dell’opera ed è piena di turisti, non abbia i teatri sempre pieni“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Pecora Elettrica ha bisogno di sostegno, soprattutto quando si spegneranno i riflettori

next
Articolo Successivo

Venezia, anche le biblioteche musicali assediate dall’acqua. Quando se ne occuperà il ministero?

next