Maria José si ritrova ogni sera per manifestare con il collettivo del suo quartiere in una delle principali strade di Barcellona, Avenida Meridiana. Si riuniscono alle 20, da quasi un mese, da quando è stata emessa la sentenza contro i leader indipendentisti, con condanne fino a 13 anni. “Abbiamo votato i partiti indipendentisti”, spiega Maria José, “Da parte del governo spagnolo non vediamo l’intenzione di sedersi a negoziare per risolvere la questione catalana”. Della stessa opinione anche altri manifestanti, come Jordi Cirera “Il conflitto catalano è stato solo utilizzato a fini elettorali, senza nessuna intenzione di risolvere il problema”.

La bassa affluenza e il successo del partito di estrema destra Vox, hanno marcato le elezioni spagnole, le quarte votazioni negli ultimi 4 anni. “Vox è riuscito ad agglutinare tutti i piccoli partiti di estrema destra che adesso riusciranno ad entrare in parlamento”, spiega Jordi Flores, un manifestante. “Siamo un movimento pacifico e sempre lo saremo. I nostri figli non riescono a comprendere le violenze sui loro genitori e nonni che manifestano”, conclude Maria José.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Hong Kong, nuovi scontri tra manifestanti e polizia: agente spara al petto a un 21enne. Media: ‘Uomo dato alle fiamme da dimostranti’

prev
Articolo Successivo

Presidenziali Romania: il capo dello Stato Iohannis in testa al primo turno. Si va al ballottaggio con l’ex premier Dancila

next