Il candidato del centrosinistra in Emilia Romagna Stefano Bonaccini di poco sopra la sfidante del Carroccio Lucia Borgonzoni. Quando mancano meno di tre mesi alle elezioni Regionali del prossimo 26 gennaio, un sondaggio Emg-Acqua Group fotografa il testa a testa dei due candidati: il presidente uscente ha il 45,5 per cento dei consensi, mentre la candidata scelta dal centrodestra raggiunge il 44%. Il M5s, che non ha ancora annunciato quale sarà il candidato, è fermo al 7%. Infine la somma degli altri candidati non va oltre il 3,5%. Solo due giorni fa il quotidiano la Stampa aveva dato notizia di un sondaggio commissionato dal Nazareno che, secondo le indiscrezioni, aveva rilevato dai 5 ai 7 punti di vantaggio per il centrodestra.

Sempre secondo quanto rilevato da Emg-Acqua Group, i due candidati sono invece molto distanti quando si fanno domande agli intervistati sulla reputazione dei singoli. Secondo l’istituto di ricerca, Bonaccini stacca la Borgonzoni infatti 53% a 24% su “serietà e onestà” e “preparazione e conoscenza“, mentre per quanto riguarda la popolarità il governatore uscente è conosciuto dal 76% degli intervistati e la sua sfidante dal 57%. Alla domanda su chi vincerà, il 43,7% risponde Bonaccini, il 37% Borgonzoni, il resto non sa o non risponde. La rilevazione è stata condotta su un campione di mille persone dal 31 ottobre al 4 novembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Lamorgese: “Entro inizio del 2020 modifiche ai dl Sicurezza saranno in Cdm”

next
Articolo Successivo

Ex Ilva, Buffagni: “Lega ha investito 300mila euro in bond di ArcelorMittal. Spero pensino ai lavoratori e non alle loro tasche”

next