Ex Ilva? Io non ho consigli da dare, né voglio fare analisi retrospettive. Ce ne sarebbero troppe da fare. Dico solo quello che facevo io da ministro: quando non sapevo che pesci pigliare, chiamavo “in camera caritatis” quelli che ne sapevano. Noi abbiamo degli splendidi siderurgici in Italia. Io partirei da lì: chiederei a loro come la vedono”. Così, ai microfoni di Radio Radicale, il deputato di LeU, Pier Luigi Bersani, risponde al giornalista Lanfranco Palazzolo, che gli chiede un’analisi della vicenda ex Ilva.

Bersani spiega: “Non giriamoci intorno e non nascondiamo qual è la sostanza del problema da mesi: in Europa e nel mondo, nel campo della siderurgia, c’è una sovracapacità produttiva, che si teme diventi strutturale. Quindi, è evidente che le tensioni finiscano sull’anello debole di questa catena, che in questo momento è palesemente a Taranto. Quell’impianto ha fatto da sfondo allo sviluppo della meccanica italiana, non possiamo dimenticarlo. Ancora adesso l’ex Ilva è importantissima. Al di là delle questioni di questo tavolo con AncelorMittal, bisogna farsi un’idea strutturale e strategica di cosa significhi quell’impianto e di come si possa uscire da questa situazione”.
E ribadisce: “Di quell’impianto abbiamo assolutamente bisogno con tutti gli ammodernamenti e investimenti necessari. E non possiamo arrivare all’assurdo di avere la copertura di un parco minerario. Saremmo forse gli unici in Europa e naturalmente non funzionerebbe la fabbrica. Cerchiamo di capirci: bisogna mettere in conto qualsiasi cosa su un asse così strategico per il Paese. Quindi, si mettano le orecchie a terra e si facciano dare dei pareri“.

Monito finale dell’ex ministro: “Le grandi istituzioni della Costituzione, e cioè magistratura e potere esecutivo, entrambi così gelosi della propria autonomia, devono sapere cosa hanno in testa e devono parlarsi proprio ai fini istruttori delle reciproche decisioni. Per capire il peso delle proprie decisioni, bisogna cercare di raccogliere elementi, sempre nell’assoluta autonomia delle decisioni. Insomma, parlatevi, ragazzi. Altrimenti, l’impressione di qualsiasi investitore è quella di andare in mezzo ai suoni. Questo è un problema serissimo del Paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ex Ilva, l’appello del ministro Patuanelli: “Serve Paese unito per salvarla”. Ma la Lega rumoreggia e protesta

next
Articolo Successivo

Emilia Romagna, Borgonzoni (Lega): “Mio padre voterà Bonaccini e non me? Veramente non gli parlo da quando avevo 5 anni”

next