Falso allarme sul volo Amsterdam-Madrid della compagnia Air Europe all’aeroporto di Schiphol. Dopo alcuni minuti di tensione e dopo che sul posto si sono presentate ambulanze e militari, a dare l’annuncio è stata la stessa azienda su Twitter. “Non è successo nulla, tutti i passeggeri aspettano di volare presto”, si legge nel messaggio rilanciato in rete. “Siamo spiacenti”.

I primi a segnalare una “situazione sospetta” a bordo di un aereo fermo in aeroporto erano stati poco prima gli stessi militari olandesi. Secondo il De Telegraaf, l’emergenza è scattata nella zona del Gate D e una parte dell’aeroporto è stata subito evacuata. Sono in tutto 27 le persone fatte scendere dall’aereo. L’aeroporto di Schipol è il terzo con più traffico d’Europa dopo Londra Heathrow e Parigi Charles de Gaulle.

I servizi di emergenza hanno subito emesso un “allarme Grip 3”: i media olandesi spiegano che questo tipo di allerta presuppone “un incidente o un evento grave con conseguenze importanti per la popolazione”. “Sta succedendo qualcosa, stiamo scoprendo cosa sta succedendo. Mi tengo informato”, sono state le prime parole del premier olandese Mark Rutte, citato dai media locali. “Spero che finisca bene”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La console dell’Ecuador: ‘Strumentalizzate le proteste. I nostri connazionali in Italia possono stare tranquilli’

next
Articolo Successivo

Iraq, “vogliamo indietro il nostro Paese, cacciamo Teheran”: la primavera anti-iraniana ha già fatto oltre 270 vittime in un mese

next