Quarantotto giorni di sonno filato. Questo è quello che è capitato alla 17enne colombiana Sharik Tovar, affetta dalla sindrome Kleine-Levin. Una patologia neurologica che altera l’equilibrio tra veglia e sonno, ribattezzata anche sindrome della Bella Addormentata. Secondo quanto riporta il sito LiveScience la ragazza soffre di questo disturbo da quando ha due anni, mentre sua madre, durante gli episodi di sonno prolungati per giorni, l’ha nutrita infilandole in bocca attraverso un biberon del cibo liquido. Dopo aver dormito per quasi due mesi di fila, la Tovar non sarebbe riuscita nemmeno a riconoscere la madre ma poi nei giorni successivi la sua memoria per i ricordi della propria vita precedente sarebbe tornata alla normalità.

Diverse riviste scientifiche spiegano che la sindrome Kleine-Levin colpisce soprattutto maschi adolescenti, nell’ordine di un caso su un milione, e che i sintomi potrebbero derivare da una disfunzione dell’ipotalamo, quell’area del cervello che regola le funzioni di base come il sonno e l’appetito, anche se la causa rimane ancora sconosciuta. Nella casistica sono state registrati diversi stati di alterazione non solo nel binomio sonno/veglia. Quando una persona affetta da Kleine-Levin è sveglia può sentirsi spesso confusa e disorientata, mostrando una totale mancanza di energia ed emozione. Molti pazienti parlano di episodi di “sfocatura” della vista e di rumori e luci che sembrano improvvisamente travolgerli. In alcuni esperimenti medico-sanitari di cura proprio durante gli episodi di sonnolenza più acuti sono stati somministrate anfetamine. Mentre le cure più “classiche” ricorrono al litio e a farmaci antiepilettici per ridurre la frequenza delle “crisi” di sonno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cade sui binari della metro mentre arriva il treno: il salvataggio è da brividi. Le immagini

prev
Articolo Successivo

Alexa testimone di un omicidio: l’assistente vocale di Amazon sarà interrogata dalla polizia

next