Una ragazza di 18 anni, Erika Russo Testagrossa, è morta impiccata al cancello di casa, mentre cercava di scavalcarlo. L’incidente è avvenuto nella notte tra il 2 e il 3 novembre a Loranzè, un migliaio di abitanti a pochi chilometri da Ivrea: la giovane è rientrata dalla serata in discoteca e, dopo aver scoperto di non avere le chiavi, ha deciso di non suonare e scavalcare il cancello, ma è rimasta impigliata con il maglioncino. A scoprire l’accaduto è stata questa mattina la sorella intorno alle 9.

Iscritta all’ultimo anno dell’istituto Alberghiero, Erika aveva compiuto 18 anni lo scorso 30 aprile. Una ragazza “solare e gentile”, la descrivono il padre Mauro e la mamma Tiziana parlando con l’agenzia Ansa. “Buon viaggio cara nostra Erika. Il tuo ricordo vivrà per sempre nei nostri cuori“, è stato invece il ricordo della scuola attraverso i social.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Luca Sacchi, la madre di Valerio Del Grosso: “Giusto che paghi e si assuma le sue responsabilità”

prev
Articolo Successivo

Trieste, cadavere di un anziano trovato in un sacco sul balcone di un appartamento: aveva la gola tagliata

next