Sono partiti all’alba i lavoratori della Bekaert di Figline Valdarno (in provincia di Firenze) per un presidio sotto il ministero dello Sviluppo Economico a Roma, organizzato in occasione dell’incontro tra sindacati, ministro del Lavoro Stefano Patuanelli e presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Circa un centinaio di lavoratori ha manifestato per chiedere di salvare le 211 famiglie e per ottenere una proroga della cassa integrazione.”Non ci arrendiamo, ci aspettiamo la conferma della cassa integrazione fino a dicembre e una spinta per la reindustrializzazione dell’impianto” ha detto la sindaca di Figline e Incisa Giulia Mugnai

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fusione Fca-Psa, Re David (Fiom): “Fusione ci preoccupa. Sui livelli occupazionali governo italiano sta a guardare”

prev
Articolo Successivo

Lucca Comics, la protesta dei lavoratori “felpati”: “Pagati meno di 5 euro all’ora, come in altri eventi nazionali. Non è dignitoso”

next