Sono partiti all’alba i lavoratori della Bekaert di Figline Valdarno (in provincia di Firenze) per un presidio sotto il ministero dello Sviluppo Economico a Roma, organizzato in occasione dell’incontro tra sindacati, ministro del Lavoro Stefano Patuanelli e presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Circa un centinaio di lavoratori ha manifestato per chiedere di salvare le 211 famiglie e per ottenere una proroga della cassa integrazione.”Non ci arrendiamo, ci aspettiamo la conferma della cassa integrazione fino a dicembre e una spinta per la reindustrializzazione dell’impianto” ha detto la sindaca di Figline e Incisa Giulia Mugnai

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fusione Fca-Psa, Re David (Fiom): “Fusione ci preoccupa. Sui livelli occupazionali governo italiano sta a guardare”

next
Articolo Successivo

Lucca Comics, la protesta dei lavoratori “felpati”: “Pagati meno di 5 euro all’ora, come in altri eventi nazionali. Non è dignitoso”

next