La sua auto è stata travolta da un fiume di fango mentre percorreva la statale 115 vicino a Noto, nel Ragusano. E per lui non c’è stato scampo. Dato per disperso per tutta la notte, il suo corpo è stato ritrovato in mattinata. L’ondata di maltempo che si sta abbattendo sulla Sicilia provoca un morto, un’agente di polizia penitenziaria. La forza del torrente esondato ha risparmiato altre 16 persone, salvate dai vigili del fuoco, dopo che le loro automobili erano state investite dalla piena.

L’agente si trovava a bordo della sua auto, una Dacia Sandero, sulla strada statale 115 quando è stato travolto da un fiume di fango in contrada Stafenna, nel territorio di Noto. Il corpo è stato ritrovato sabato mattina dai soccorritori lungo la strada che collega i comuni di Noto e Rosolini.

Venerdì sera sono state tutte recuperate e sono in buone condizioni le persone che si trovavano a bordo di altre due auto investite dalla piena improvvisa di un torrente che ha invaso la statale 115 nei pressi di Ispica, in provincia di Ragusa. Si tratta di 8 persone che i vigili del fuoco hanno rintracciato nei pressi delle vetture, poco distanti dal punto in cui i testimoni avevano visto le persone travolte dall’acqua.

Intanto anche sabato le scuole resteranno chiuse in diversi comuni siciliani per il perdurare dell’allerta meteo rossa, proclamata dalla Protezione civile regionale. Il sindaco di Catania, Salvo Pogliese, d’intesa con l’assessore comunale alla protezione civile Alessandro Porto, ha firmato la relativa ordinanza che prevede, tra l’altro, per oggi la chiusura degli edifici scolastici di ogni ordine e grado e l’interdizione delle aree pubbliche potenzialmente a rischio quali parchi e giardini pubblici, mercati e cimiteri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Depistaggio di Stato, ma 25 anni prima di piazza Fontana. Carlo Lucarelli lo racconta su FQMillenniuM in edicola

next
Articolo Successivo

Sicilia, comune di Carini chiude la pizzeria del fratello di Peppino Impastato: “Non in regola”

next