Un giudice federale ha deciso che il Dipartimento di giustizia deve consegnare alla Camera entro il 30 ottobre tutte le parti del rapporto del procuratore speciale Robert Mueller sul Russiagate che sono state coperte da omissis sulla base delle restrizioni del gran giurì o di altre restrizioni. Una vittoria per i democratici nel loro sforzo di accertare se Donald Trump ha ostruito o meno l’indagine. Ma non solo: le commissioni della Camera che conducono l’inchiesta sull’impeachment hanno emesso dei mandati per interrogare tre dirigenti dell’amministrazione Trump. Si tratta di Russ Vought, direttore ad interim per il bilancio, Michael Duffey, alto funzionario dell’Office of Management and Budget, e T. Ulrich Brechbuhl, legale del dipartimento di Stato. Tutti e tre si erano rifiutati di testimoniare volontariamente. Si prevede che dovranno rispondere se erano a conoscenza della decisione di Trump di bloccare gli aiuti militari a Kiev legandoli all’apertura di indagini contro i Biden.

Intanto la controinchiesta voluta dall’amministrazione Trump sulle origini del Russiagate, che ha coinvolto anche l’Italia, sfocia in un’indagine penale e rischia di diventare, come paventano i dem, uno “strumento di vendetta politica del presidente“, in contrapposizione all’indagine di impeachment contro il tycoon per l’Ucrainagate. Il salto di qualità da indagine amministrativa a ‘criminal investigation’ darà più poteri a John Durham, il procuratore federale che sta indagando da maggio sotto la supervisione del ministro della Giustizia William Barr: ora potrà emettere mandati per acquisire testimonianze e documenti, convocare un grand giurì e formulare incriminazioni.

La mossa arriva dopo che Fox News, la tv conservatrice vicina a Trump, ha rivelato che l’indagine di Durham “si è allargata sulla base di nuove prove scoperte durante il suo recente viaggio con Barr a Roma”, dove i due hanno incontrato i dirigenti dell’intelligence italiana. Quest’ultima ha però smentito di aver consegnato prove, compresi i cellulari BlackBerry di Joseph Mifsud, il docente maltese della Link University di Roma di cui si sono perse le tracce e che per primo rivelò alla campagna di Trump il possesso da parte dei russi di materiale compromettente su Hillary Clinton, inducendo poi l’Fbi ad aprire l’indagine sul Russiagate. Indagine che Trump e i suoi alleati ritengono una “caccia alle streghe“, un complotto tramato dall’amministrazione Obama con la complicità di qualche servizio occidentale, nonostante le diverse conclusioni del procuratore speciale Robert Mueller.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cadaveri nel camion in Inghilterra, famiglia vietnamita cerca la figlia: “L’ultimo sms: ‘Sto morendo, non respiro. Ti amo mamma’”

next
Articolo Successivo

Cile, almeno un milione in piazza: più che alla fine della dittatura di Pinochet. Il presidente Pinera: “Abbiamo recepito il messaggio”

next