Ho temuto di prendermi una coltellata“. A dirlo è Claudio Lippi che in un’intervista al settimanale “Nuovo” ha rivelato di aver subito un’aggressione in pieno centro a Roma per aver rimproverato un uomo che stava gettando i rifiuti per strada anziché negli appositi cassonetti. Tutto è successo qualche giorno fa: Lippi ha sorpreso un uomo mentre gettava dei rifiuti per strada nonostante lì vicino ci fossero dei cassonetti: “Parole normali – ha spiegato il conduttore – gli ho fatto osservare che il suo comportamento non era quello giusto. Mi ha riconosciuto e ha reagito con rabbia“.

Da lì le cose sono degenerate, con l’uomo che gli ha risposto: “Pensi di potermi dire qualcosa perché sei un volto tivù?“. “Poi si è avvicinato – ha proseguito Lippi -, infilando la mano in tasca. Ho temuto di prendermi una coltellata. Purtroppo leggo i giornali e guardo i tg. So che cosa può accadere e mi sono allontanato”. Non è stato per lui stare tranquillo: “Non posso essere ottimista: la percezione della poco sicurezza e la realtà coincidono. Ormai ho superato i settant’anni. Non mi piace la parola vecchio, ma sono sensibile a ciò che accade agli anziani. Le truffe, seguite spesso dalla violenza, ci ricordano la loro solitudine e la fragilità”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Umbria, candidato presidente lista Buone Maniere: “Ho fatto sesso con una suora. Il video è su YouPorn. Salvini e Renzi non lo farebbero mai”

next
Articolo Successivo

Matteo Salvini: “Non ho tradito Elisa Isoardi e non è vero che mi ha spaccato uno smartphone”

next