Giovanni Gorno Tempini è il nuovo presidente di Cassa Depositi e Prestiti al posto di Massimo Tononi. Dal 2010 al 2015 Gorno è stato amministratore delegato della Cassa e nel 2016 è stato nominato presidente di Fondazione Fiera Milano al posto di Benito Benedini. Francesco Profumo, presidente dell’Acri, ha spiegato che “le 61 Fondazioni di origine bancaria azioniste di Cdp hanno unanimemente individuato” in Gorno Tempini “il candidato ideale”. Da agosto 2019 è presidente di Fila. Fa parte del Consiglio di amministrazione di Intesa SanPaolo, Avio, Willis Tower Watson e della Fondazione Airc.

L’Acri evidenzia che “nel rispetto dei rispettivi ruoli” la scelta è stata “condivisa per tempo” con il ministero dell’Economia, azionista di maggioranza di Cdp. “Siamo certi che Cassa Depositi e Prestiti potrà proseguire con serenità nel suo impegno di promozione dello sviluppo sostenibile e inclusivo del Paese e nell’attuazione suo Piano industriale 2019-21”, dichiara ancora Profumo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bio-on, il bluff colpisce in gran parte piccoli risparmiatori: perdita di almeno 400 milioni. Borsa sospende titolo “a tempo indeterminato”

prev
Articolo Successivo

Decreto fiscale, cambia l’Imu sulle trivelle: tolto lo sconto alle compagnie petrolifere. L’incasso sale da 6 a 30 milioni di euro

next