Il 27 per cento dei tedeschi ha pensieri antisemiti, il 41% pensa che gli ebrei parlino troppo dell’Olocausto. Sono i risultati di un sondaggio condotto dal World Jewish Congress, l’organizzazione che racchiude le comunità e organizzazioni ebraiche di oltre 100 paesi, e svelato in esclusiva dal sito della Süddeutsche Zeitung. La rilevazione, precisa proprio il quotidiano, si è svolto due mesi e mezzo fa, quindi prima della sparatoria davanti a una sinagoga a Halle del 9 ottobre scorso – che ha provocato due vittime – ad opera di un 27enne tedesco legato al mondo dell’estrema destra.

In Germania l’antisemitismo è in crescita e la maggioranza della popolazione lo percepisce, collegando il fenomeno all’aumento di consenso proprio dei partiti di estrema destra: esiste una connessione tra i due fenomeni per il 65% degli intervistati. Un terzo ammette che gli ebrei in Germania non vengono trattati bene, mentre circa il 25% ritiene perfino che esiste il rischio di un nuovo Olocausto in Germania. D’altro canto però, appena il 44% dei tedeschi ha espresso preoccupazione per la crescente violenza contro ebrei: meno della metà.

Una conseguenza di altre risposte che arrivano dal sondaggio riportato dalla Süddeutsche Zeitung: il 12% degli intervistati afferma che gli ebrei sono responsabili della maggior parte delle guerre nel mondo. Il 22% afferma che gli ebrei sono odiati a causa del loro comportamento. E quasi la metà sostiene che siano più fedeli a Israele che alla Germania. Risposte simili arrivano anche da un sottoinsieme di intervistati, laureati con un reddito di almeno 100mila euro annui: il 28% di loro diceche gli ebrei hanno troppo potere nell’economia, mentre il 26% afferma che gli ebrei hanno “troppo potere nella politica mondiale“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bolivia, Evo Morales contro le rivolte dopo la sua rielezione: “Colpo di Stato”. E dichiara lo stato d’emergenza

next
Articolo Successivo

Bangladesh, 16 persone condannate a morte: bruciarono viva una ragazza di 19 anni

next