Ciao STEFANO. A dieci anni dalla scomparsa di Stefano Cucchi il rapper milanese HegoKid lancia online un nuovo singolo “STEFANO” in cui viene raccontata in modo minuzioso l’ultima settimana di vita del geometra romano dalla sera dell’arresto alla sua morte. Il video che accompagna il brano, realizzato graficamente come se fosse una lettera, vede un testo trascritto a mano che lentamente va a comporre un ritratto del volto di Stefano Cucchi, come sull’artwork del singolo. Strofe su strofe che si susseguono come cerchi concentrici su lettering rosso a sfondo nero per un canto rap che vuole mantenere viva la memoria sul caso Cucchi e sull’uomo Stefano. La produzione musicale e l’arrangiamento sono affidati a JUN (Giuseppe Fraga). “Stefano” è stato registrato, mixato e masterizzato da Andrea Cataldo per Charming Audio. I proventi verranno devoluti interamente all’Associazione “Stefano Cucchi Onlus”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Thailandia, il re ripudia la sua concubina ufficiale: “Si atteggia a regina e sfida la coppia reale”

next
Articolo Successivo

Salah in copertina su GQ con Alessandra Ambrosio, scoppia la polemica: per i musulmani egiziani sono “atti osceni in luogo pubblico”

next