Il re di Thailandia, Rama X, ha ripudiato la sua concubina ufficiale accusandola di essersi atteggiata a regina. “Il comportamento della consorte reale è stato considerato irrispettoso”, si legge sulla Gazzetta ufficiale thailandese. La bella Sineenat Wongvajirapakdi, 34 anni, era stata insignita del titolo di “consorte reale” lo scorso luglio, appena due mesi dopo il matrimonio del sovrano con la regina Suthida Bajrasudhabimalalakshana, 41 anni, sua quarta moglie. Era da più di un secolo che il titolo di “consorte reale” non veniva dato più a nessuno. In agosto erano state diffuse foto ufficiale della giovane donna, sia in abito tradizionale accoccolata ai piedi del trono dove sedeva il 67enne sovrano, che in divisa militare ai comandi di un jet dell’aviazione. La giovane però, “non ha rispettato le tradizioni reali cercando di apparire equivalente alla regina e sfidando la coppia” reale, come recita il testo.

Secondo il comunicato ufficiale, Sineenat aveva cercato in ogni modo di impedire l’elevazione al trono di Suthida e di prendere il suo posto. Dopo ripetute disobbedienze e tentativi di interferire negli affari reali, Sua Maestà le aveva conferito il titolo di “nobile consorte reale” sperando di metter fine alle sue pressioni. Ma Sineenat ha continuato a far sfoggio di “ambizione” con attività non autorizzate dal sovrano.

“Le sue azioni – si legge – sono state ritenute sleali, ingrate e scortesi verso la gentilezza di Sua Maestà. Ciò ha causato divisioni fra i servitori reali e incomprensioni nel pubblico, il che equivale ad un sabotaggio verso il paese e l’istituzione” della monarchia. Per questo Sineenat, che era anche generale dell’esercito, è stata privata dei titoli reali e militari, oltre che delle sue decorazioni. Re Vajiralongkorn è salito al trono come Rama X nel 2016 dopo la morte del padre, Bhumibol, venerato sovrano che governò il paese per 70 anni. A differenza del genitore, che ebbe come moglie solo la regina Sirikit, Vajiralongkorn ha avuto una vita sentimentale molto movimentata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il coming out di Elena Linari: “Gli omosessuali ci sono anche nel calcio maschile, gli sportivi coprono il loro privato per evitare di scatenare i pregiudizi”

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, il rapper Hegokid racconta la sua ultima settimana di vita in un brano intenso (VIDEO)

next