Le forze curdo-siriane si sono ritirate dalla zona di sicurezza nel nord-est della Siria. Lo riferiscono media siriani e panarabi come al Jazira e al Arabiya che citano fonti militari curde e statunitensi. Le forze curde hanno informato quelle americane di aver ritirato le loro truppe dalla zona frontaliera. È la condizione stabilita lo scorso 17 ottobre dall’accordo tra gli Stati Uniti e la Turchia per la fine del conflitto in Siria. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan otterrebbe così quella zona cuscinetto di circa 32 km (20 miglia) oltre il suo confine che da tempo chiede a Washington e all’Ue, minacciando di “aprire le porte ai rifugiati. Poco dopo la notizia del ritiro, il leader di Ankara ha annunciato un’intesa raggiunta tra Turchia e Russia: un “accordo storico” per una nuova tregua di 150 ore per completare l’evacuazione delle milizie curde. La precedente tregua stabilita con Washington (120 ore) sarebbe terminata oggi alle 22 (le 21 in Italia).

Il ritiro dei curdi dalla zona di sicurezza turca, spiega l’Ansa, sarebbe stato riferito con una comunicazione scritta dal comandante delle Forze democratiche siriane a guida curda, Mazlum Abdi Kobani, al vicepresidente Usa, Mike Pence, che cinque giorni fa aveva negoziato la tregua ad Ankara con il presidente turco. Le forze curde si sono ritirate “completamente” dalla cosiddetta zona di sicurezza, conferma anche ad Aki-Adnkronos International Mohammed Hasan, dell’ufficio Relazioni con l’estero dell’Amministrazione autonoma della Siria nordorientale, precisando che l’area del ritiro è quella compresa “tra Ras al-Ayn e Tal Abyad“.

L’INTESA PUTIN-ERDOGAN
Nel frattempo Erdogan e Vladimir Putin hanno avuto un faccia a faccia di quasi sei ore a Sochi. Un colloquio nella residenza di Bocharov Ruchei che ha portato all’annuncio del prolungamento della tregua. Il memorandum d’intesa siglato dai presidenti dei due Paesi indica che Turchia e Russia condurranno pattugliamenti congiunti fino a 10 km entro il territorio siriano oltre il confine turco, a est e ovest dell’area in cui è stata condotta l’operazione turca nel nord della Siria. È esclusa Qamishli, principale centro curdo nell’area. Inoltre, si legge sempre nel memorandum, “lo status quo stabilito nell’area dell’attuale Operazione Fonte di Pace tra Tal Abyad e Ras al Ayn, con una profondità di 32 km, verrà preservato“.

“E’ importante che delle azioni delle forze armate turche non si approfittino i membri di organizzazioni terroristiche, compresa l’Isis, i cui guerriglieri vengono tenuti prigionieri presso le formazioni armate curde e cercano di liberarsi”, ha detto Putin dopo l’incontro a Sochi, ribadendo anche che il Paese deve essere liberato dalla “presenza illegale straniera“. Durante il colloquio il presidente russo, riporta l’agenzia Tass, ha sottolineato al leader turco che la situazione è “molto critica” e che “il nostro incontro di oggi e le nostre consultazioni siano altamente necessarie“. Putin ha inoltre auspicato che “il livello raggiunto nelle relazioni tra Russia e Turchia svolgerà adesso il suo compito nel risolvere tutte le questioni difficili viste oggi nella regione”.

“Come Turchia continueremo a lavorare duramente per rispondere alle preoccupazioni dei nostri amici russi sulla situazione nel nord della Siria. La nostra operazione Fonte di pace è condotta per eliminare i terroristi dalla regione, non vogliamo il territorio di nessun altro Paese”, ha assicurato Erdogan. Il presidente turco ha spiegato ai giornalisti di aver parlato con Putin dell’operazione ‘Fonte di pace’, di aver “dato un’ampia gamma di informazioni”, come il Cremlino aveva detto di aspettarsi prima dell’incontro. Erdogan ha ribadito che “l’obiettivo principale è eliminare le organizzazioni terroristiche Ypg e Pkk” e “creare le condizioni per fare in modo che i rifugiati siriani possano tornare a casa“. Il leader di Ankara ha insistito sul rispetto dell’”integrità territoriale della Siria” e della “sovranità” del Paese arabo, teatro dal 2016 di tre operazioni militari turche. “Non vogliamo prenderci la terra degli altri – ha detto – Stiamo pianificando attentamente tutti i passi”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tutti in piedi ad applaudire Juncker dopo il suo ultimo discorso, ma Zanni (Lega) resta seduto. E l’ex presidente reagisce così

next
Articolo Successivo

Brexit, il Parlamento approva il pacchetto ma boccia l’iter sprint chiesto da Johnson per arrivare all’uscita dall’Ue il 31 ottobre

next