I fondi accordatile per bloccare la rotta migratoria dal Medio Oriente stanno per esaurirsi e Ankara torna a bussare a Bruxelles. In un discorso ai dirigenti del suo Akp Recep Tayyip Erdogan avvertito l’Unione europea che se una “zona di sicurezza” non verrà creata presto nel nord della Siria, Ankara è pronta ad “aprire le porteai rifugiati siriani, permettendo loro di andare in Europa. Il leader turco ha ribadito che il governo di Ankara è determinato a creare una “safe zone” in partnership con gli Stati Uniti entro fine settembre, ma è pronto ad agire da solo se sarà necessario.

Ci sono questioni aperte e tensioni a proposito della zona di sicurezza, proposta inizialmente dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2018 e concordata il 7 agosto: oltre alla disputa sui ritardi nella sua creazione, in ballo c’è il destino delle milizie curde Ypg alleate agli Usa e considerate terroriste da Ankara. Erdogan ha sottolineato che la Turchia punta a trasferire nell’area un milione dei suoi 3,65 milioni di rifugiati. In caso contrario “saremo costretti ad aprire le porte (verso l’Europa, ndr). Non possiamo essere costretti a gestire l’onere da soli”, ha dichiarato Erdogan, lamentando che la Turchia “non ha ricevuto il sostegno necessario dal mondo, e soprattutto dall’Ue”.

La realtà è che i fondi finora garantiti dall’Ue stanno per finire. A marzo 2016 Bruxelles e Turchia hanno firmato un accordo per aiutare Ankara nella gestione della crisi dei rifugiati che prevedeva un contributo economico complessivo da sei miliardi di euro. In più occasioni Erdogan ha lamentato che la Turchia ha ricevuto solo una parte dei fondi promessi. Secondo la Commissione Ue sono stati 5,6 finora i miliardi effettivamente “allocati” in supporto di Ankara: la consegna dell’ultima tranche da 400 milioni era in programma per questa estate. Per il 2020 l’accordo andrà rinegoziato e Erdogan comincia a battere cassa.

Una sorta di “moral suasion” che passa anche per l’aumento della pressione migratoria alle frontiere con la Grecia: secondo le autorità di Atene solo tra il 26 agosto e il 1° settembre 5297 persone sono partite dalle coste turche su 165 gommoni alla volta delle coste greche. La richiesta di Erdogan, inoltre, arriva mentre Ankara teme un nuovo afflusso di profughi, dopo l’avanzata del governo siriano nell’ultima roccaforte ribelle di Idlib.

Secondo Erdogan, la “safe zone” dovrebbe avere una profondità di circa 30 km oltre la frontiera e una lunghezza di circa 450 km, ossia la metà del confine turco-siriano, in modo da potervi costruire “città invece di tende”. Finora, ha aggiunto, i rifugiati tornati “volontariamente” in patria sono stati circa 350 mila. “Da qui a fine settembre, siamo determinati a mettere in pratica la zona di sicurezza come noi la vogliamo a est dell’Eufrate”, ha assicurato, riferendosi all’accordo con gli Stati Uniti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Uragano Dorian, 20 morti alle Bahamas. Onu: “70mila persone a rischio necessitano aiuti”

prev
Articolo Successivo

L’ira del deputato sikh col turbante contro Johnson: “Quando si scuserà per frasi razziste?”

next