La pornostar gelosa accoltella il fidanzato fedifrago e rischia 15 anni di prigione. Bridget the Midget, una delle attrici hard nane più cliccate su Pornhub, è finita seriamente nei guai dopo aver scoperto che il proprio compagno la tradiva. I fatti criminali si sono svolti a Las Vegas poco più di un mese fa. Bridget, il cui vero nome è Cheryl Murphy, è andata su tutte le furie quando ha capito che il fidanzato Jesse James stava dormendo a casa dell’amante, presumibilmente dopo una notte di sesso. Il sito Tmz riferisce che Bridget è entrata come una furia nella casa dell’amante dell’uomo e con un coltello per il burro ha urlato improperi contro i due colti in flagrante.

“Sapevo che non mi amavi”, è stato l’urlo della donna prima di avventarsi su James per poi pugnalarlo alle gambe. La pornostar alta un metro e quattordici è stata però fermata dall’altra donna presente all’aggressione, agguantata e buttata fuori di casa. James è finito d’urgenza all’ospedale con ferite non gravi. Ora la Murphy, però, rischia da due a quindici anni di carcere perché gli inquirenti suppongono che la donna sia entrata nella casa dell’amante del fidanzato con l’intenzione di commettere un crimine con un’arma mortale. Il sito Tmz riporta la confessione della pornostar raggiunta dai poliziotti che l’hanno arrestata: “È colpa mia, l’ho pugnalato. Dovrei andare in prigione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lo studente a scuola con un fucile semina il panico: l’insegnante lo disarma con un abbraccio

prev
Articolo Successivo

Marito e moglie si innamorano della stessa donna: ora vivono tutti insieme con i loro quattro figli

next