Attimi di terrore in volo per il principe William e Kate Middleton. I Duchi di Cambridge sono in Pakistan da qualche giorno per una visita ufficiale e erano a bordo del loro aereo privato assieme a quaranta membri dello staff reale e alcuni giornalisti accreditati quando sono finiti in mezzo a una violenta tempesta di fulmini. La coppia era partita da Lahore e era diretta a Islamabad per l’ultimo giorno di visite ufficiali per del rientro in Gran Bretagna quando all’improvviso, quella che era solo una forte perturbazione si è trasformata in una tempesta di fulmini.

Il viaggio doveva durare solo 26 minuti invece è durato oltre due ore perché l’aereo della Royal Air Force britannica è stato costretto a rimandare per ben due volte l’atterraggio a Islamabad a causa del maltempo. Secondo quanto riportato dai corrispondenti della Cnn che si trovavano a bordo assieme ad altri giornalisti, il capitano ha annunciato che l’aereo avrebbe fatto alcuni giri ulteriori in attesa di un miglioramento meteorologico che gli consentisse di atterrare. Poi per ben due volte ha provato ad avvicinarsi alla pista ma, come hanno raccontato i cronisti, la tempesta di fulmini era così forte da impedire all’aereo di toccare il suolo, scuotendolo paurosamente e scatenando il panico tra i presenti, compresi William e Kate. Alla fine, dopo due ore di rinvii e di volo in mezzo alla tempesta, l’Airbus A330 della Royal Air Force britannica è dovuto rientrare a Lahore dove è finalmente riuscito ad atterrare.

Penso che sia stata davvero un’avventura, è stata piuttosto sconnessa lassù. Ma siamo stati seguiti così meravigliosamente dalla RAF che ha fatto un ottimo lavoro di collegamento con tutti e ci ha riportato a casa sani e salvi, quindi siamo estremamente grati a loro”, ha commentato Kate Middleton una volta a terra a Rebecca English, la corrispondente reale per il Daily Mail. L’imprevisto ha causato però un cambio di programma inatteso che ha costretto la security pakistana a rivedere l’intero programma dell’ultimo giorno di tour della coppia reale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Novara, la cena a base di nutrie fa il tutto esaurito ma la Asl la blocca: “È illegale”

prev
Articolo Successivo

Chef Rubio attacca ancora Matteo Salvini e i suoi sostenitori: “Una fauna che sc**a con le nigeriane”

next