Coppia felice, sposata con due figli, ama la stessa donna e ci convive. Il poliamore colpisce ancora. Il menage a trois più social di questo autunno ha avuto, e continua ad avere, Washington sullo sfondo. Leo Barillas, un ex marine che ha prestato servizio in Iraq, e la moglie Mary si sono sposati diversi anni fa e nel 2010 hanno iniziato a vivere nella capitale degli Stati Uniti avviando una palestra di crossfit. Ed è tra pesi, panche e spogliatoi che Mary ha incontrato una cliente, Kimberlee Slagle, diventandone amica. Poi Mary, Kimberlee e Leo hanno iniziato ad uscire insieme, innamorandosi l’uno dell’altro. Un triplice colpo di fulmine di cui nessuno sa spiegare la genesi, ma la passione equamente ripartita non ha trovato ostacoli diventando una relazione poliamorosa a tutti gli effetti.

Con tanto di convivenza a casa di Leo e Mary dove Kimberlee li ha raggiunti con i suoi due figli formando un terzetto con quattro bambini. “Non c’è nulla di diverso da una relazione tradizionale. È bello seguire il proprio cuore e stare con qualcuno che ti rende felice anche se non è considerato convenzionale”. Parole d’ordine: apertura e onestà. E ancora: grande risonanza su Instagram dove Leo posta parecchie foto di tutti e tre appassionatamente ricevendo incoraggiamenti, auguri, ma anche critiche di ogni tipo. Molti tabloid hanno sottolineato come Leo sia molto più basso delle due altissime “mogli”, mentre parecchi utenti online, soprattutto italiani, hanno dimostrato scarsissima tolleranza alla novità sentimentale postando commenti sconsolati: “Poveri figli”. “Speriamo sia uno scherzo di pessimo gusto”; ma anche: “Smettetela per favore e dite che siete pagati da quella lobby che vorrebbe un mondo di lesbiche è gay”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bridget the Midget, la famosa pornostar scopre che il fidanzato l’ha tradita e lo aggredisce con un coltello per il burro

prev
Articolo Successivo

Attivisti contro i cambiamenti climatici bloccano il traffico, un uomo perde la testa e li aggredisce

next