Nella puntata di Fratelli di Crozza in onda tutti i venerdì in prima serata sul Nove – il mea culpa di Crozza-Calenda che candidamente ammette: “Per trent’anni ho detto solo cazzate. Pensa che io per trent’ anni mica buttavo la pasta nella pentola. Prendevo l’acqua bollente e la versavo nella scatola degli spaghetti. Me magnavo il cartone mollo. Pure ‘sto fatto che esistono i poracci, sì insomma, quelli che lavorano in fabbrica, l’ho scoperto adesso”. L’europarlamentare ha poi aggiunto affranto: “Io sono prontissimo a fare il sindaco di Roma, ma manco ai sorci del Tevere viene in mente di chiedermi di candidarmi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza-Berlusconi confonde le barzellette con la realtà ed è uno spasso: “La sapete quella di Greta che fa sparire la bottiglietta con una spaccata?”

next
Articolo Successivo

Crozza si sdoppia, Conte e Gualtieri spiegano le norme anti-evasione: “Se nascondi i soldi nel bidet, la Guardia di finanza ti trapana il seder”

next