Nella puntata di Fratelli di Crozza in onda tutti i venerdì in prima serata sul Nove – il mea culpa di Crozza-Calenda che candidamente ammette: “Per trent’anni ho detto solo cazzate. Pensa che io per trent’ anni mica buttavo la pasta nella pentola. Prendevo l’acqua bollente e la versavo nella scatola degli spaghetti. Me magnavo il cartone mollo. Pure ‘sto fatto che esistono i poracci, sì insomma, quelli che lavorano in fabbrica, l’ho scoperto adesso”. L’europarlamentare ha poi aggiunto affranto: “Io sono prontissimo a fare il sindaco di Roma, ma manco ai sorci del Tevere viene in mente di chiedermi di candidarmi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crozza-Berlusconi confonde le barzellette con la realtà ed è uno spasso: “La sapete quella di Greta che fa sparire la bottiglietta con una spaccata?”

prev
Articolo Successivo

Crozza si sdoppia, Conte e Gualtieri spiegano le norme anti-evasione: “Se nascondi i soldi nel bidet, la Guardia di finanza ti trapana il seder”

next