Adoratori e feticisti del face sitting fate attenzione, potreste finire in galera. Questo è quello che è successo ad Anna Nicole Parrino, una 44enne della contea di Boone nel Missouri, avvezza ad una pratica da “soffocamento” che anche su Pornhub raccoglie grande seguito. La donna è stata accusata dal compagno di averlo spinto per terra ed essergli seduta sopra il viso, comprimendogli la vagina su naso e bocca fino a non permettergli più di respirare, urlandogli: “Mangia la mia fi**”.

L’uomo, che non ha rivelato la sua identità, ha parlato di diversi episodi di violenza domestica e sessuale che sono “gradualmente peggiorati”. Quando la polizia è arrivata nella casa dei due, lo scorso dicembre, dopo la denuncia, ha trovato il compagno della Parrino con un taglio sul naso, che lui ha sostenuto derivasse dalla forzata seduta di facesitting, tagli sulle braccia e soprattutto chiazze arrossate sul corpo dovute a cinghiate e scudisciate. “Temevo per la mia incolumità perché non sapevo cosa avrebbe potuto fare”, ha dichiarato la vittima. La Parrino ha scontato diversi giorni in carcere dopo l’arresto per scontare la condanna per violenza domestica, invece l’accusa di violenza sessuale è stata arrestata non ha avuto seguito a livello legale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sbagliano strada e sconfinano dal Canada agli Usa: famiglia in carcere con l’accusa di immigrazione clandestina

prev
Articolo Successivo

Mamma esce dalla doccia e perde un occhio: “Ho visto tutto sfocato poi ho sentito come un ‘pop'”

next