Le storie, feriscono, guariscono, e se si ripetono diventano vere”. È un mantra che trasuda di verità per ogni narratore che si rispetti l’incipit Scary Stories to Tell in the Dark, il nuovo film diretto dal norvegese André Øvredalma soprattutto scritto e prodotto da Guillermo del Toro. Proposto alla 14ma Festa del Cinema di Roma, l’opera profuma di classicità nel suo essere un “pure horror”, di quelli “di cui mi sono nutrito da bambino negli anni ’80, dai film di Spielberg a Poltergeist” ha dichiarato il cineasta.

Assemblato in scrittura come selezione di storie di paura che appartengono alla cultura folk e alla mitologia moderna americane – specie dai racconti di Alvin Schwartz- il film trova ambientazione nella provincia americana a partire dalla notte di Halloween del 1968, con alcuni adolescenti amici a far da protagonisti, in cui spicca il punto di vista affidato a Stella, ragazzina nerd amante dell’horror che nasconde un segreto. Per meglio celebrare la notte più “scary” dell’anno, i ragazzi s’addentrano nella vecchia dimora della famiglia Bellows, rimasta disabitata perché si dice infestata dallo spirito della giovane Sarah, che ivi fu rinchiusa fino alla morte dai fratelli maggiori, costretta a rimanere perennemente al buio. Pare la ragazza trovasse sfogo nella scrittura di storie spaventose in un quaderno. Quando Stella s’impossessa del suo quaderno trovato in casa, iniziano a verificarsi strani fenomeni.

Umanissimo di spirito e quasi “analogico” nel suo apparire antico nelle forme – le paure che s’incarnano in veri e propri mostri un po’ goffi – Scary Stories to Tell in the Dark presenta la quintessenza del cinema visionario e magico del premio Oscar messicano, seppur dietro all’obiettivo di un norvegese. E il discorso politico, come in ogni horror di qualità, è esondante, a partire dal quell’inquieto 1968 americano (ma non solo americFano) che vide le partenze dei giovani militari USA verso il Vietnam ma anche le elezioni – in diretta nel film – di Richard Nixon. Man mano che i ragazzi scompaiono si ha la sensazione vi sia il rimando metaforico ai caduti in battaglia, con creature mostruose certamente parallele agli orrori bellici esaltati dalla sciagurata presidenza Nixon.

Ma le instant stories del film che nutrono il plot da non rivelarsi si possono associare anche ai Social Media contemporanei, “capaci di condannare in un istante il destino di una persona, come accade per Sarah e Stella benché le due ragazze vivano anni luce dalla nostra epoca”. Teen horror molto classico, si diceva, quello diretto da Øvredal si sostanzia nella paura dell’ignoto, creando la suspence seguendo le regole della “vecchia maniera”, quella insegnata dal più grande di tutti: Alfred Hitchcock. Perché l’orrore accade prima nella testa degli spettatori che non sullo schermo, e questo Hitchcock lo sapeva benissimo”. Il film uscirà nelle sale il 24 ottobre per Notorious Pictures.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pavarotti, il nuovo documentario di Ron Howard offre un ritratto umanissimo e grandioso del Maestro

next
Articolo Successivo

Festa del Cinema di Roma, Shia LaBeouf commuove con Honey Boy: la sua vita di ragazzino prodigio con un padre infernale

next