di Maurizio Donini

Il cambio di maggioranza con lo switch da giallo-verde a giallo-rosso pareva avere inaugurato una nuova stagione nella politica sui migranti; ma pochi giorni fa si è tenuto sull’argomento un vertice “segreto” tra il premier Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Tra il 2014 e il 2017 le navi delle Ong impegnate nel Mediterraneo centrale hanno soccorso 114.910 persone su un totale di 611.414, parliamo del 18,79% del totale. Guardia costiera (Gc), Marina militare (Mm) e Guardia di finanza (Gdf) italiane hanno tratto in salvo 309.490 persone, pari al 50,62% del totale. Non ci sono taxi e nemmeno nessuna invasione, la realtà è ben diversa dalla percezione.

La verità è che la favola del popolo italiano accogliente e dai buoni propositi vive solo nel libro Cuore: gli italiani sono, alla prova dei fatti, tra i più intolleranti d’Europa, oltre che essere all’ultimo posto nell’arrivo dei migranti. Il nemico non è alle porte, parafrasando il grande Annaud, ma nemmeno sta salendo le scale. Secondo i dati Eurostat l’Italia ospita sei migranti ogni mille abitanti, poca cosa rispetto i 14,4 che hanno trovato ospitalità in Svezia.

Sempre restando ai dati del 2018, è toccante che nei primi sei mesi dell’anno sono arrivati più di 2,5mila minori non accompagnati, bambini e ragazzini senza genitori. La tragedia non risparmia nessuno, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione: dal 1 gennaio 2018 al 27 giugno scorso 972 uomini, donne e bambini hanno perso la vita mentre tentavano di raggiungere l’Europa via mare.

Ma se l’Italia è in fondo alla classifica dell’ospitalità, è invece ai primi posti per intolleranza nei 15 paesi oggetto dello studio effettuato dalla statunitense Pew Research Center. Al 6 per mille di migranti l’Italia risponde con un 38% di intolleranza, per contro i 14,4 per mille della Svezia scontano appena l’8% di intolleranti nel paese nordico. Un italiano su quattro rifiuta l’ingresso in famiglia di un ebreo, tre su quattro di un islamico.

I numeri della presunta invasione sono smentiti anche dai dati relativi l’accoglimento delle domande: nel 2017 le domande accolte in prima istanza sono state 33.873, il 41% di quelle esaminate (81.527). Di queste solo l’8% ha ottenuto l’asilo, un altro 8% la protezione sussidiaria e il 25% la protezione umanitaria. Il 58% ha visto la sua domanda respinta.

Realtà e percezione sono due grandezze molto differenti: basti pensare all’Ungheria dell’ultranazionalista Viktor Orban, costruttore di muri per motivi prettamente economici, visto che la percentuale di migranti fra i magiari si ferma ad un misero 1,6% della popolazione (circa 160mila persone su 9,7 milioni). Eppure ben l’80% degli ungheresi si segna come intollerante rispetto l’immigrazione; una situazione molto simile ai numeri della Bulgaria.

Un’indagine statistica del prestigioso Istituto Cattaneo ha rivelato che gli italiani percepiscono un’immigrazione pari a quasi il 25%, quando in verità non si arriva al 7% totale. La crisi economica che fa temere la perdita di posizione, i migranti visti come concorrenti nella corsa al benessere, la continua erosione della classe media, la politica che mesta nel torbido portando gli elettori del centro-destra a valutare l’immigrazione fino a quasi il 32,4%. Percentuali irrealistiche, ma ritenute credibili dal popolo della destra. Una destra che si lamenta molto e attacca ancora di più, ma che quando si tratta di lavorare alla revisione degli accordi di Dublino sparisce, disertando tutte le 22 sedute tenute sull’argomento.

Ora Matteo Salvini e Giorgia Meloni, pur in mancanza di numeri che giustifichino la richiesta, chiedono a gran voce il blocco navale, magari ricordando la motovedetta che si inserì tra la Sea Watch e il molo, causando solo danni materiali e non morti, per fortuna. Risultato ben diverso si ebbe quando nave Sibilla speronò la Katër i Radës nel canale di Otranto causando una strage con l’annegamento di 81 persone.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita deilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ex Ilva, il nuovo scudo penale tolto dal decreto Salva-Imprese dopo il no di 17 senatori M5s. I sindacati: “Alibi ad Arcelor per andarsene”

next
Articolo Successivo

Manovra, Buffagni: “Scontro M5s-Conte su contante? Falso, ma no favori alle banche”. Poi attacca Renzi

next