C’è stato un problema in Turchia perché Batman si è preso gioco di Google Maps. L’improbabile scenario in realtà è un bug nascosto dentro le mappe di Google che nelle ultime ore ha regalato risultati esilaranti e alquanto inaspettati. L’autore dello scherzo l’ha pensata con cura perché la ricerca su Google Maps di “Batman” non è un puro gioco. Batman infatti è una città nell’Anatolia sud Orientale che conta quasi 350mila abitanti e che nel tempo si è ritagliata un ruolo importante nell’estrazione del petrolio.

Una volta che Google aveva terminato la localizzazione della città, la prima mossa che veniva spontanea era accedere alla visione a 360° della zona. Insomma, per farsi un’idea dell’ambientazione, delle strade, della conformazione dei palazzi, del verde. Tutto questo però non succedeva perché cliccando sul quadratino a sinistra (sia sugli smartphone che da desktop) appariva l’oceano e un pontile di legno in una nuvolosa tarda serata d’estate.

Qualcosa non tornava visto che, in Turchia, non ci sono oceani. Ma continuando ad esplorare la zona arrivava la vera sorpresa: un uomo intento a scattarsi un autoscatto sorridente e completamente nudo. Google ha provato a rimediare subito all’evidente attacco hacker e al momento per la stragrande maggioranza degli utenti la città di Batman è salva.

Non si conosce l’identità del Joker nella foto ma la su performance ha già fatto il giro dei social e del web entrando di diritto tra le follie più pazze apparse su Google Maps o Street View. Come HorseBoy, un ragazzo con la maschera da cavallo che è apparso in più punti lungo le strade di Aberdeen, in Scozia, o gli uomini-piccione in posa in Giappone. Alcuni scherzi che provano a perdersi gioco della Google Car sono programmati, come le corse urbane tra sub, gli Sherlock Holmes che camminano per Cambridge o le finte uccisioni per le strade, altre volte invece le scene immortalate, sfortunatamente, sono reali: dagli incidenti automobilistici a bambini con in mano pistole fino a arresti in pieno giorno. Gli ultimi casi di bug clamorosi tutti italiani sono stati “scherzi” volgari e a sfondo razzisti. Cercando “Vai a cac…” Google Maps rimandava allo Juventus Stadium, digitando invece il becero insulto che ha a che fare con la doccia e il fuoco portava al Vesuvio. Google ha comunque sistemato tutti i bug scusandosi per l’accaduto, di cui ovviamente non era responsabile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Helen Hunt, l’attrice ricoverata d’urgenza in ospedale: il suo suv travolto da un’altra auto

next
Articolo Successivo

Scandalo a Buckingham Palace, un pensionato chiede per la terza volta il test del Dna alla regina Elisabetta: è convinto di essere un erede dei Windsor

next