Imprevisto in diretta durante la puntata di “Chi l’ha visto?” andata in onda mercoledì sera su Rai 3. La conduttrice, Federica Sciarelli, ha dato spazio come di consueto a una telefonata dal pubblico ma quando la regia ha dato la linea si è scoperto che all’altro capo del telefono non c’era un telespettatore interessato a ciò di cui si stava discutendo in studio bensì il disturbatore Michele Caruso, vecchia conoscenza della Rai per i suoi interventi in diverse trasmissioni. L’uomo è riuscito a superare il filtro del centralino di “Chi l’ha visto?spacciandosi per un certo Giuseppe e sostenendo di avere notizie sulla scomparsa della 19enne Anna Cancarini, di cui si stava parlando nel programma. Appena ha avuto la certezza di essere in onda, Caruso ha detto: “Buonasera dottoressa Sciarelli, come sta? Sono Michele Caruso. Vaffa***” e poi ha subito riagganciato il telefono.

In studio è calato il gelo ma la conduttrice ha avuto la prontezza di intervenire e, con un sorriso di cortesia, ha replicato: “Me la sono beccata tutta. Ogni tanto capita che questo Michele Caruso, che deve andare a farsi curare, fa gli scherzi a noi che lavoriamo. Io non me la prendo, mi sono fatta una risata. La parolaccia non era per voi, era per noi. Il problema è che ci sono i nostri familiari che sono qui e stanno aspettando delle segnalazioni. Abbiamo posto il problema alla nostra azienda, perché essendo questo un programma di servizio pubblico, comportarsi in questa maniera non va bene. I vari siti che prendono in giro noi conduttori riprenderanno quanto accaduto con questo deficiente”. Michele Caruso è un disturbatore già noto al pubblico Rai, intanto però l’hashtag #Chilhavisto è entrato in trend topic su Twitter e il video con l’insulto ha fatto il giro del web.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Il caso Vannini”, testimonianze e audio inediti sull’omicidio del 20enne a Ladispoli in esclusiva sul Nove: la puntata giovedì 17 ottobre alle 21.25

prev
Articolo Successivo

Amici Celebrities, Michelle Hunziker “commissariata”: torna Maria De Filippi e gli ascolti salgono

next