Centinaia di confezioni di patatine Pringles al gusto pepe rosa e Prosecco sono state sequestrate in una catena di supermercati del Veneto perché utilizzano senza autorizzazione il nome Prosecco oltretutto citando nell’elenco degli ingredienti una non meglio precisata “polvere di prosecco”. “I furti di identità non possono essere consentiti”, ha commentato la ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova spiegando che le patatine in questione provengono da una società olandese che le commercializza in tutta Europa. L’accusa con la quale è stato motivato il sequestro è “utilizzo di nomi di vini Dop, senza autorizzazione del Consorzio”.

“Questo testimonia l’impegno forte del Ministero e dell’Icqrf, la nostra Autorità per la lotta alle frodi e la tutela della qualità – ha aggiunto la ministra Bellanova -, nel combattere l’usurpazione di nomi protetti italiani. Azione che avviene sia in Italia, dove esiste una legislazione organica a tutela delle indicazioni geografiche, sia all’estero e sul web”. “Non possiamo più tollerare che si utilizzi senza autorizzazione una denominazione tutelata!“, ha rimarcato poi su Facebook il presidente del Veneto, Luca Zaia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Andrea Delogu pubblica su Instagram la foto del suo passaporto e i fan l’attaccano. Ma la verità è un’altra

prev
Articolo Successivo

Le Iene, chi è Jimmy The Watch: il presunto truffatore prima insultato diventa idolo del web

next