Un gruppo di contestatori formato da disoccupati ed espulsi dal M5s si sono riuniti con cartelli e striscioni all’esterno della Mostra d’Oltremare di Napoli, dove è in corso Italia 5 stelle. “Di Maio ci promise che non ci avrebbe abbandonato, ma a oggi abbiamo ricevuto solo chiacchere” si lamenta un ex lavoratore di pubblica utilità del Comune di Napoli. “Da 10 mesi siamo in mezzo a una strada, se i 5 Stelle sono come gli altri è inutile parlare di cambiamento. Di Maio si ricordi del nostro incontro di luglio”. Con loro anche alcuni esponenti del movimento di disoccupati “7 novembre” ed ex militanti delusi dalle alleanze con la Lega prima e con il Pd poi. La due giorni del Movimento guidato da Luigi Di Maio proseguirà fino a domani pomeriggio. In mattina, fanno sapere gli organizzatori, sono stati 10mila gli ingressi totali, mentre le prenotazioni per l’Arena Flegrea, dove questa sera ci saranno gli spettacoli e l’intervento di Beppe Grillo, hanno fatto registrare il tutto esaurito

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Giachetti: “Zingaretti lancia alleanza? Io non lego il mio destino ai 5 stelle”

prev
Articolo Successivo

Italia 5 Stelle, Taverna agli scettici: “Non diciamo più ‘vaffa’? Sì. Voi a 20 anni eravate gli stessi di oggi?”. E ricorda i successi del M5s

next